Gigi E Ross In Scena Tra Gli Applausi Del Teatro Garbatella

Gigi E Ross In Scena Tra Gli Applausi Del Teatro Garbatella

La recensione di Andy e Norman, andato in scena al Teatro Garbatella il 4 e 5 ottobre 2019

123
stampa articolo Scarica pdf

"Andy e Norman" commedia di Neil Simon riadattata da Alessandro Benvenuti va in scena al Teatro Garbatella d'innanzi ad una platea piena che apprezza la pièce che vede protagonisti il poliedrico duo comico Gigi e Ross. Divisi tra TV e teatro i due attori, tra una puntata e l'altra di Tale e Quale Show, sono impegnati nella messa in scena del classico inglese che Benvenuti aveva già affrontato con la coppia Gaspare e Zuzzurro (che a furor di popolo finì dal palco alla televisione in una seguitissima sitcom).

Non sono da meno Gigi e Ross, applauditi ed apprezzati dal pubblico romano che li accoglie per una due giorni preludio alla tournèe che partirà da Gennaio 2020. E così, dismessi i panni da concorrenti del venerdì sera su Rai1 e indossati quelli da consumati attori, il duo napoletano nelle vesti di due squattrinati scrittori a caccia di fortuna tra le righe dei loro articoli, dà vita ad uno scambio di puntigliose battute dallo spirito newyorkese, donandosi al pubblico senza riserve. Irrefrenabile l'energia di Ross, nei panni del geniale autore Norman, che diventa vittima di un amore non corrisposto da parte della bella americana Sophie, interpretata da Arianna Di Stefano. E intanto Gigi da vita ad un Andy cinico al punto giusto ma dal cuore tenero, pronto a far di tutto per salvare la baracca, l'amico ed il futuro amore della sua vita.

Un adattamento ricercato quello di Benvenuti, che innalza il testo allontanandolo da classici e più semplici toni della commedia. Una storia ottimamente resa dal duo di attori che recita insieme alla Di Stefano, nota fresca che strappa sorrisi per un testo che ben s'intreccia a sua volta, con la scenografia di Eugenio Liverani, dall'impianto classico ed assolutamente credibile, tanto da far venir voglia al pubblico di abitarla una casa così. Le musiche di Patrizio Fariselli, le luci di Marco Palmieri ed uno studio attento dei costumi indossati dai protagonisti, rende lo spettacolo ancor più gradevole alla vista, in un progetto corale che, nonostante la leggerezza dell'ironia di Neil Simon, fa piacere e fa sorridere in ogni caso. Una produzione Best Live e La Pirandellania distribuita da Terry Chegia.

© Riproduzione riservata