Supercoppa Italiana Juventus-Lazio 1-3 Lulic Re Di Supercoppa

Supercoppa Italiana Juventus-Lazio 1-3 Lulic Re Di Supercoppa

Senad Lulic è una garanzia: prima in Coppa Italia, oggi protagonista della Supercoppa. Suo il gol che ha ristabilito il vantaggio

stampa articolo Scarica pdf

Non solo il Re di Coppa, da oggi Senad Lulic è anche il Re di Supercoppa. Protagonista della serata, della vittoria e del Trofeo vinto battendo la Juventus. Suo il gol che ha riportato la Lazio in vantaggio al minuto 73, per poco non ha centrato anche il minutaggio che lo ha reso eroe nel 2013 quando la sua rete ha battuto la Roma nella Coppa Italia vinta il 26 maggio 2013. 

Senad Lulic non è la prima volta che sale sul podio dei protagonisti di Coppa, anche inaspettatamente. Precisamente due anni fa, il 26 dicembre 2017, un suo gol allo Stadio Olimpico aveva piegato la Fiorentina.  Ancora indietro col tempo, aprile 2015 ancora Lulic protagonista in Coppa Italia. 8 aprile, al San Paolo di Napoli la semifinale di ritorno di Coppa Italia. Nella ripresa suo il gol vittoria che manda la Lazio in finale, proprio contro la Juventus.

22 dicembre 2019. La Lazio sfida la Juventus, in palio c'è la Supercoppa. Nella ripresa, anche qui, c'è un equilibrio da spezzare.  E ci pensa Lulic: il cross di Lazzari, la sponda di Marco Parolo e il gol di Senad Lulic. Protagonista, decisivo, come nel passato. 

E pensare che Lulic è stato anche protagonista del gol di Luis Alberto che dopo appena 16 minuti aveva permesso ai biancocelesti di passare in vantaggio: lascia De Sciglio sul posto con le finte che gli sono consuete e crossa in mezzo. La palla arriva a Luis Alberto che sblocca il super match. Paradossalmente Lulic è protagonista anche sul gol del pareggio di Dybala, attirando su di sè, via social, le solite polemiche sull'incostanza, sull'età, sulle distrazioni del capitano.

Il resto è storia, è Coppa, anzi Supercoppa: in due settimane la Lazio batte ancora per 3 a 1 la Juventus e mette in bacheca un altro trofeo.

Enrica Di Carlo

Foto Giannandrea Gambini

© Riproduzione riservata