Pre-match Roma-Lecce Stagione 19-20

In un periodo di crisi totale, la Roma ritrova sul suo cammino la squadra che più di ogni altra riporta alla mente brutti ricordi e grandi rammarichi: il Lecce.

stampa articolo Scarica pdf

Fonte immagine: Emanuele Gambino 

In un periodo di crisi totale, dove neanche la vittoria in Europa League ha convinto in quanto a prestazione, la Roma ritrova sul suo cammino la squadra che più di ogni altra riporta alla  mente brutti ricordi e grandi rammarichi: il Lecce.

E se in passato le tristi reminiscenze venivano, per lo meno, esorcizzate dalla superiorità dei giallorossi capitolini, questa volta sono, invece, i pugliesi a partire favoriti. Reduce da tre vittorie consecutive, l’undici di Liverani sta mostrando, negli ultimi tempi, un buon gioco e tantissimi grinta. Aspetti che, al contrario, la squadra di Fonseca sembra aver completamente perso di vista in questo inizio 2020.

Dopo i tre punti agguantati a fatica giovedì contro il Gent, i giallorossi sono chiamati, questo pomeriggio, a ripetersi tirando fuori, stavolta, anche l’orgoglio, la concentrazione e le buone giocate ormai da tempo nel dimenticatoio.

In conferenza stampa, Fonseca ha rinnovato, pur riconoscendone il periodo no, la propria fiducia a un Pellegrini fischiato a più riprese dal pubblico nelle ultime partite e che scenderà, quindi, in campo dal primo minuto. In difesa, visto il calo di Mancini, potrebbe riconfermarsi il duo centrale Smalling-Fazio, mentre con un Kolarov dato per scontato da Fonseca sulla fascia sinistra, resta da vedere chi prenderà posto sul lato destro, con un Bruno Peres in pole position.

Unica certezza in avanti l’intramontabile Dzeko, con gli altri pronti a giocarsi una maglia. A partire favoriti sembrerebbero essere, comunque, Mkhitaryan e un Perez reduce da un buon esordio da titolare nella gara contro il Gent…e chissà che non ci regali un altro gol.

Ennesima partita verità di questa seconda fase del campionato che mette paura ma, che si spera, possa finalmente vedere un finale diverso. A questo punto non resta che aspettare e rinnovare la fiducia verso un allenatore che ha comunque dimostrato coraggio e voglia di fare e richiesto, giustamente, tempo per portare in alto la Roma. Del resto, come lui stesso ha dichiarato, una grande squadra non la si fa in un anno e senza dare continuità.

PROBABILI FORMAZIONI

ROMA (4-2-3-1): Pau Lopez; Bruno Peres, Smalling, Fazio, Kolarov; Veretout, Cristante; Perez, Pellegrini, Mkhitaryan; Dzeko. All.: Fonseca.

Ballottaggi: Mkhitaryan-Kluivert.

LECCE (4-3-2-1): Vigorito; Donati, Lucioni, Rossettini, Calderoni; Deiola, Petriccione, Majer; Mancosu, Barak; Lapadula. All.: Liverani.

CURIOSITÀ E STATISTICHE

Sono 31 i precedenti in Serie A tra Roma e Lecce (21 vittorie Roma, 8 pareggi 2 vittorie Lecce), 95 le reti segnate (68 per i capitolini, 27 per i salentini).

Gli ultimi 4 precedenti all’Olimpico, nel massimo campionato, hanno visto trionfare sempre la Roma.

Nella gara d’andata, la Roma ha battuto per 1-0 il Lecce: nell’intero campionato 2018/19, i giallorossi non hanno mai ottenuto due successi stagionali contro una singola avversaria senza subire reti.

Dopo aver perso il primo confronto casalingo contro il Lecce nell’aprile 1986, la Roma è rimasta imbattuta in tutti i successivi 14 (12V, 2N).

La Roma ha vinto 12 delle ultime 13 gare interne di Serie A contro un’avversaria neopromossa.

La Roma, reduce da tre sconfitte consecutive in Serie A, non perde quattro partite di fila nel massimo campionato da novembre 2008. 

Il Lecce è reduce da tre vittorie consecutive: i salentini non hanno mai registrato quattro successi di fila in Serie A.

Nessuna squadra ha subito più gol del Lecce negli ultimi 15 minuti di gioco: 11, inclusi due degli ultimi quattro; mentre solo la Lazio (due) ne ha incassati meno della Roma (tre) nel parziale.

Il Lecce è una delle due squadre di questo campionato a non aver ancora perso una partita dopo essere andata avanti nel punteggio, mentre la Roma è stata sconfitta una sola volta in questa situazione (contro l’Atalanta nell’ultimo turno).

Edin Dzeko ha trovato la rete nel 58% delle partite in cui ha affrontato una squadra neopromossa (14 gare su 24, con 19 gol nel parziale).

Filippo Falco - assente per infortunio - è l’unico giocatore del Lecce con almeno tre gol e tre assist in questo campionato.

La vittoria con maggior scarto in serie A risale alla stagione 2001/2002: Roma-Lecce 5-1, 10′ Totti (R), 40′ Samuel (R), 66′ Chevanton (L), 71′ Candela (R), 78′ rig. Totti (R), 88′ Batistuta (R).

La partita di campionato con il maggior numero di gol risale alla stagione 2001/2002: Roma-Lecce 5-1, 10′ Totti (R), 40′ Samuel (R), 66′ Chevanton (L), 71′ Candela (R), 78′ rig. Totti (R), 88′ Batistuta (R).

Il risultato più frequente è Roma-Lecce 3-0.

Alessia Graffi

© Riproduzione riservata