Song To No One Di The Niro La Recensione Di Ur

Song To No One Di The Niro La Recensione Di Ur

In radio da venerdì 29 Maggio “Malign Fiesta /No soul” singolo in collaborazione con Gary Lucas & Jeff Buckley.

stampa articolo Scarica pdf

Song to no one di The Niro La recensione di Ur

In radio da venerdì 29 Maggio “Malign Fiesta /No soul” singolo in collaborazione con Gary Lucas & Jeff Buckley.

L’Album “Songs to no one” parla di ingiustizie, soprusi del forte contro il debole da denunciare.Musica folk, ascolto fluido e con sonorità punk, il testo del singolo in promozione, Malign Fiesta/No soul, è decisamente politico e antirazzista, sembra fatto per questo momento, richiamando la morte ingiusta di George Floyd a Minneapolis, ucciso per strada da un poliziotto.

La condizione dei Neri in America è sempre stata difficile, e movimenti di denuncia si sono alzati in questi giorni, contro il sopruso e l’ingiustizia razzista che porta a vere e proprie tragedie.Gary Lucas e Jeff Buckley propongono melodie facilmente fruibili, ma con contenuti forti (“you are just the same as those fat old bastards you hate / with no soul”) dove l’essenza stessa della vita viene riconosciuta nella società come un non-valore e di cui bisogna ritrovare la preziosità al di là di ogni colore politico, della pelle e di razza.

I brani sono usciti nell’ottobre 2019 per l’etichetta Esordisco e sono una raccolta di tutti i testi dei due compositori.Rappresentazione di un grido di liberazione, come Martin Luther King fu il leader di una rinnovata libertà o Nelson Mandela ci insegna il valore della prigionia e poi del riscatto, l’album ci fa riflettere con una pacatezza fuori dal comune nel proporre temi così importanti come i diritti umani.

Non si può fare a meno di sentire il ritmo, sicuramente coinvolgente di questo lavoro, che propone questi “temi caldi” con naturalezza e decisione.

Monica Pecchinotti

© Riproduzione riservata