Perché L’Atalanta Può Sognare Il Colpaccio In Champions League

Perché L’Atalanta Può Sognare Il Colpaccio In Champions League

Un vero e proprio sogno e non l’Atalanta non ha alcuna intenzione di aprire gli occhi. Anzi, vuole farlo solo una volta raggiunto il traguardo, perché vorrà dire che il sogno si è tramutato in una meravigliosa realtà.

stampa articolo Scarica pdf


Un vero e proprio sogno e non l’Atalanta non ha alcuna intenzione di aprire gli occhi. Anzi, vuole farlo solo una volta raggiunto il traguardo, perché vorrà dire che il sogno si è tramutato in una meravigliosa realtà. La compagine bergamasca è spinta da un po’ tutti i tifosi italiani, che sperano di vederla esultare anche per il grande gioco espresso nel corso degli ultimi mesi.

Se ci fosse stato anche Ilicic, l’Atalanta avrebbe avuto ancora più chances di arrivare fino in fondo, ma l’assenza dello sloveno toglie un pizzico di imprevedibilità all’attacco dei bergamaschi. Eppure, anche gli appassionati di scommesse online sono sicuri che la squadra guidata da Gasperini abbia tutte le carte in regole per tentare l’impresa. Di piattaforme dove scommettere sull’Atalanta che vince la Champions League ce ne sono tantissimi, ma è fondamentale creare un conto di gioco solo su portali sicuri e certificati: per questa ragione, si consiglia di individuare la piattaforma più adatta alle proprie esigenze tra quelle proposte su casinosicurionline.net.

Perché può battere il PSG e approdare in semifinale

Prima di tutto, perché è favorita dalle assenze dei francesi. Il PSG, infatti, si presenterà al cospetto della compagine di Gasperini con assenze che si faranno sentire. Su tutte quella di Verratti, che rischia addirittura uno stop di diversi mesi, mentre il fenomeno Mbappé partirà dalla panchina e non si sa che tipo di contributo sarà in grado di fornire, ma soprattutto se Tuchel lo potrà rischiare o meno.Non è finita qui, dato che l’Atalanta potrà sfruttare anche le assenze di un big come Angel Di Maria, che è stato squalificato nella gara con il Borussia Dortmund. L’infermeria del PSG sembra davvero chilometrica e annovera pure Kurzawa, senza dimenticare Kehrer, che ha subito una frattura ad un osso dell’orecchio e rischia di saltare la sfida con l’Atalanta.

Perché può ambire ad alzare la Coppa

Prima di tutto, perché non è tra le favorite. Sembra strano, eppure soprattutto in questo periodo così particolare post-lockdown, non avere la pressione di dover vincere o fare risultato per forza è un gran bel vantaggio. Non avere nulla da perdere, in un torneo che prevede una formula completamente rivoluzionata rispetto a quella classica, con una Final Eight ad eliminazione diretta, è un vantaggio di non poco conto.In più, l’Atalanta che è scesa in campo dopo la fine dell’emergenza sanitaria si è dimostrata una vera e propria macchina da gol, centrando addirittura la matematica qualificazione alla prossima Champions League con quattro turni di anticipo. E il modo in cui i bergamaschi si erano sbarazzati del Valencia nella doppia sfida agli ottavi di finale qualche preoccupazione nelle avversarie, seppur fortissime, dovrebbero farla sorgere. Le parole degli stessi giocatori di Gasperini spiegano molto bene come viene vissuto questo momento dalla squadra. Ad esempio, in una recente intervista, Remo Freuler ha sottolineato come tutti credono alla vittoria della Champions League, altrimenti non salirebbero nemmeno sull’aereo che li porterà a Lisbona. Tanto dipenderà anche dalla condizione fisica, che dovrà assistere gli uomini della Dea per tutti i 90 minuti: se così fosse, i tifosi bergamaschi possono sognare in grande…

Mario Di Marzio

© Riproduzione riservata