Mario Balotelli Di Nuovo Protagonista, Per Motivi Calcistici E Non

Mario Balotelli Di Nuovo Protagonista, Per Motivi Calcistici E Non

Atti vandalici all'automobile dell'attaccante, il quale si sfoga dal proprio profilo Instagram

stampa articolo Scarica pdf

Mario Balotelli torna a far parlare di sé, non solo e non soltanto per motivi calcistici.

L’ex attaccante della Nazionale ha, infatti, postato sul proprio profilo Instagram un video dove si mostrano i danni recati alla sua automobile da parte di ignoti vandali: il finestrino del lato passeggero è letteralmente in frantumi, sparsi per gran parte dell’abitacolo.

Balotelli ha riassunto la sua (comprensibile) rabbia per l’accaduto in un breve messaggio, promettendo ai responsabili che dovranno prima o poi rispondere di tale azione:

«Io lo so che sei tu… tu chiunque tu sia verrai a conoscenza di questo messaggio… io ti dico solamente prega, prega tanto e bene che io non venga mai a sapere chi tu sia perché ti farò perseguitare a vita dalla legge siccome in altri modi “non si può».

Una brutta sorpresa, per l’ex attaccante Azzurro, che comunque potrà dimenticare l’amarezza festeggiando l’ingaggio da parte del Monza, ambizioso sodalizio brianzolo che il duo Berlusconi-Galliani ha programmato di portare per la prima volta in Serie A.

Rimasto senza squadra dopo la deludente esperienza fra le fila del Brescia, l’occasione data dalla compagine monzese consiste molto probabilmente nell’ultima opportunità di riscatto per “SuperMario”, che nella sua carriera ha avuto modo di vestire le maglie di Lumezzane, Inter, Manchester City, Milan, Liverpool, Nizza, Olympique Marsiglia e Brescia.

Al sodalizio bianco-rosso lombardo, “Balo” (che ultimamente si è allenato con la compagine dilettatistica bresciana dello Sporting Franciacorta) ritrova i suoi ex compagni dei tempi milanisti Kevin-Prince Boateng e (nelle vesti di allenatore) Cristian Brocchi (nonché, ovviamente, i dirigenti Silvio Berlusconi e Adriano Galliani).

Contratto valido fino al 30 giugno 2021: "Balo" vestirà la maglia numero 45.

Giuseppe Livraghi

© Riproduzione riservata