Il “difficile” Natale Del 2020.

Il “difficile” Natale Del 2020.

Passare le feste in solitudine può salvaguardare la nostra Salute.

stampa articolo Scarica pdf



“Se non ci sarà rigore nelle prossime festività natalizie il virus riprenderà a crescere ed è facile prevedere che possa accadere ciò che è avvenuto questa estate". E’ questo il timore del governo e delle autorità sanitarie che raccomandano rigore e responsabilità durante le festività natalizie.

La festività Natalizie e di Capodanno stanno allertando tutti. L’attenzione pubblica è molto preoccupata dal virus ma cresce nel contempo un sentimento di ribellione a questa oppressione di solitudine a cui questo virus ci condanna nel quotidiano. Le feste, da sempre, sono i periodi ed i momenti per ricongiungere la famiglia intera ed i propri conoscenti più stretti ma in questa fase sono anche delle potenziali occasioni di pericoloso assembramento. Tra conoscenti stretti è molto facile abbassare “la guardia” e dare potenzialmente più spazio all’avanzata del Covid.

Il governo tramite il DPCM ha provato a regolamentare con maggiore dettaglio e maggiore prudenza gli orari di apertura dei negozi stabilendo anche delle fasce più rigide di coprifuoco.

In questa prima fase si è dimostrata una linea stringente e dura, ma pian pian nel dibattito pubblico si stanno manifestando delle voci di dissenso e disagio. In particolare anche i più “intransigenti” hanno difficoltà a non cedere almeno di fronte alle tante storie di solitudine che colpiscono soprattutto gli anziani. E fargli passare in solitudine il Natale peserebbe sulla coscienza di molti. E allora l’ipotesi allo studio è quella di consentire a un familiare con il suo nucleo più stretto di potersi comunque spostare per trascorrere le festività con il genitore o i nonni soli. 

C’è da aggiungere che a questo squarcio di realtà esiste una categoria di persone che, che vive in solitudine o lontani dagli affetti più stretti durante tutto l’anno ed a maggiore ragione in questo difficile 2020. Si pensi ai genitori separati con i figli lontani, disabili in strutture e case di cure, senzatetto o chi è obbligato a lavorare anche nei turni di notte. Ogni appartenente a queste categorie, a modo proprio, vive una condizione di solitudine. Quest’anno, poi, molti spostamenti e viaggi non saranno resi possibili dall’emergenza sanitaria e il numero delle persone destinate a trascorrere le Feste da solo o con un membro della famiglia assente sarà un caratteristica peculiare.

Occorre pero anche evidenziare che in una società che e’ dominata dal consumismo e della moda social, trova poco spazio, anche nel dibattito sul Natale quello che è l’aspetto più solenne e religioso. La solitudine o l’essere “costretti” a passare il Natale con i soli congiunti o con la famiglia stretta può anche essere una occasione di riflessione più profonda sulla società che ci circonda e sulla vita quotidiana e sui ritmi caotici dettati dalla moderna società.

Questo virus aggredisce e prende piede con la socialità e nei rapporti tra le persone. In attesa della vaccinazione, l’essere da soli od in presenza del minor numero di persona possibili è tra i pochissimi antidoti a questo virus. Il sacrificio di Natale, deve essere fatto proprio nell’ottica di arginare l’avanzata del COVID e bisogna far leva sul senso di responsabilità di ognuno.

Federica Isopo 

© Riproduzione riservata