AL VIA LA NUOVA STAGIONE DEL TREKKING SUI MONTI LEPINI

AL VIA LA NUOVA STAGIONE DEL TREKKING SUI MONTI LEPINI

Si riparte da Montelanico. Un tesoro a disposizione di tutti e un’agenda ricca di molti altri appuntamenti da non perdere per questo tanto atteso 2021 che sarà all’insegna della natura.

stampa articolo Scarica pdf


Il 2020 ce lo ricorderemo tutti come un anno di trasformazione, un anno di restrizioni, di attese, di speranze. Si è inevitabilmente trascorso molto più tempo in casa avendo a disposizione dei momenti per riflettere su cosa sia il senso di libertà. E così anche i 100 metri vicino casa son divenuti vitali tanto da rappresentare quel “far pace” con la Terra intorno a noi. D’altronde l’uomo è un animale e come tale ha un legame imprescindibile con il territorio dove è nato e cresciuto e forse momenti come questi intensificano questo senso di appartenenza al Pianeta. Dopo la prima fase di lockdown con le rispettive riaperture, camminatori, amanti della corsa, amanti del fitness di qualunque tipo hanno letteralmente invaso parchi e strade di ogni centro sia esso piccolo o grande. Quel sentimento e la volontà di riscoprire il mondo intorno non erano solo un effetto transitorio, bensì una riscoperta, una volontà chiara e precisa di riprendersi un po' della qualità della vita. Chi vive immerso nel verde a volte sottovaluta il valore aggiunto di poter chiudere il pc o lasciare la normale attività e uscire di casa, anche solo per trenta minuti, e godersi un po' quel contatto con la natura che permette di tornare ad un equilibrio molto spesso sopraffatto dalla frenesia della vita quotidiana. Tutto questo ha accresciuto la volontà del Comune di Montelanico, delle associazioni locali e della Comunità Montana di programmare degli appuntamenti con l’obiettivo di rendere le vette dei Monti Lepini non solo know-how di pochi, ma patrimonio di tutti, esattamente di tutti, anche di quelle persone che hanno iniziato proprio in questo anno funesto ad apprezzare la montagna. In poco tempo è stato definito il calendario delle iniziative che già al primo appuntamento, svoltosi domenica 20 dicembre, ha riscosso un enorme successo: il Monte Croce ha contato circa una trentina di partecipanti che, nel pieno rispetto delle norme anti Covid-19, hanno potuto trascorrere una domenica prenatalizia riuscendo ad apprezzare anche un brindisi in alta quota. I partecipanti, seguendo il sentiero CAI 728 caratterizzato da imponenti castagneti e apprezzando le caratteristiche della macchia mediterranea, sono arrivati fin alla località “le Piaie” dove invece a farla da padrone è stata la testimonianza di opere umane di antichi mestieri come, per esempio, le carbonaie e muri a secco. Dopo qualche pausa per prendere il respiro ed immortalare il paesaggio, il gruppo ha ripreso il sentiero e, dopo gli ultimi 5 chilometri, la vetta ha ripagato il dislivello della passeggiata donando a tutti una vista spettacolare. Si sa, il trekking è un’incredibile valvola di sfogo che aiuta a migliorare la respirazione, a tonificare la muscolatura nonché ad allentare le tensioni quotidiane, poi se fatto a due passi da casa riesce ad essere ancor più apprezzato. Un toccasana per una disintossicazione digitale in questo anno di smart working forzato. Inoltre, a differenza di altri sport più intensi che possono provocare dei traumi fisici, la gradualità dell'attività escursionistica fornisce un allenamento completo e globale che rafforza sia il corpo sia la mente. I Monti Lepini sono pronti ad essere esplorati, il Comune di Montelanico provvederà ad aggiornare sui propri canali social i prossimi appuntamenti tenendo conto delle restrizioni imposte dall’ultimo Decreto Legge: da agenda il 31 dicembre 2020 è programmata una splendida escursione sul Monte Lupone. In ogni caso il 2021 ripartirà alla grande con ben otto date da segnare sul calendario: sarà una Primavera tutta da ammirare sull’altopiano di Collemezzo e sulle montagne di Gorga, alle quali seguiranno con i primi caldi Il Monte Lupone e la tanto amata Cima Nardi o Monte Semprevisa; l’Autunno, invece, regalerà i colori di Monte Capreo e dello Sperone Maraoni chiudendo poi in bellezza con il Monte Melaina. Gli appassionati non potranno resistere a queste splendide iniziative che con grande orgoglio delle associazioni locali stanno accogliendo molti consensi. Riprende vita così quell’amore per il territorio e per quello sport che fa bene al corpo ma soprattutto alla mente. Il trekking è in grado di svelare orizzonti inattesi avendo il potere di riconnettere le persone solo a ciò che è essenziale. Ancora un plauso al Comune di Montelanico per aver riattivato tutte le altre associazioni locali e aver puntato su questo genere di iniziative. Non rimane che augurare un buon trekking a tutti sui Monti Lepini!

Chi più in alto sale, più lontano vede. Chi più lontano vede, più a lungo sogna.” Walter Bonatti

Marialetizia Temofonte

Foto di Matteo Trulli 

© Riproduzione riservata