VERSI NEL BORGO A MONTE SAN BIAGIO IL PAESE PRESEPE

VERSI NEL BORGO A MONTE SAN BIAGIO IL PAESE PRESEPE

Il Turismo e la Cultura come volano strategico per rilanciare i piccoli borghi.

stampa articolo Scarica pdf



Siamo a Monte San Biagio, il “paese presepe “che dista circa 120 km da Roma e 50 da Latina. Monte San Biagio che sorge su una collinetta dei Monti Ausoni che si distacca appena dalla costa del Monte delle Fate e del Monte Calvo, appartenne al Regno dei Borboni e al confine settentrionale dello Stato Pontificio. E’ davvero un paesino gioiello, con un centro storico delizioso, con edifici appoggiati sulla nuda roccia, stradine che diventano gradinate e raggiungono il castello, da dove si gode una vista panoramica che abbraccia la Piana di Fondi con l’omonimo lago, inglobato nel Parco Regionale Monti Ausoni e Lago di Fondi.

Si è svolto qui il concorso di poesie "Versi nel borgo" organizzato dal comune di Monte San Biagio e che ha riscosso ancora una volta un grande successo.

Infatti anche quest'anno ha visto la partecipazione di ben 250 autori suddivisi per categorie Senior, Junior, Baby e una sezione di poesie dedicate a Monte San Biagio. La premiazione di quest'anno è avvenuta in diretta streaming per le norme anti - Covid.

Gli abitanti del luogo raccontano che l'anno scorso fu una giornata indimenticabile per tutti; per tutta la giornata le associazioni locali sono state impegnate in diverse attività e vi fu la partecipazione di tante persone provenienti da ogni parte d'Italia.

Una bella idea di promozione della poesia e del territorio voluta fortemente dall'amministrazione comunale di Monte San Biagio, che ha sostenuto l'idea di questo concorso e che ha portato lustro al borgo antico dei Monti Ausoni affacciato sulla Riviera di Ulisse. 

Il sindaco Federico Carnevale, il presidente del Consiglio comunale Gioia Pernarella e il delegato alla Cultura Giuseppe Pascale hanno sempre creduto in questa iniziativa del concorso di poesia "Versi nel borgo" insieme ai presidenti di giuria Armando Cittarelli e Sara D'Aniello e oggi si ritengono soddisfatti per il risultato ottenuto. 

Il successo di partecipazione di tanti autori da ogni parte d'Italia ci incoraggia ad andare avanti anche per gli anni prossimi portando il concorso a livello internazionale, sostiene Giuseppe Pascale.

Come delegato alla cultura non posso che essere soddisfatto per i risultati che abbiamo ottenuto. Penso che promuovere la poesia sia promuovere la bontà, la pace e la serenità tra la gente.

La giuria ha lavorato per diversi mesi per valutare le numerose poesie pervenute. I presidenti delle varie categorie Armando Cittarelli e Sara D'Aniello sono convinti che il concorso avrà un futuro sempre più attraente per le finalità che si è prefissato.

Un ringraziamento va ai componenti della giuria Gianmarco Pernarella,

Catia Di Veglia, Loretta Carnevale, Massimo Basile, Massimo Lerose e Niside Livoli per aver svolto il proprio impegno di valutazione con determinazione e competenza.

Hanno partecipato per la Categoria Baby:

Elisabetta Amantini con “Primavera”, Premio Speciale;

Vito Marrese con “Il Mondo”, Premio Speciale;

Antonio Arnesano con “La Primavera del 2020”, Premio Speciale.

Per la Categoria Junior:

Emanuele Temis con “Il Pontile” Primo classificato;

Melania Guglietta con “ Libera” secondo classificato;

Teresa Vercelli, con “ Luna innamorata” Terzo classificato;

Ginevra Puccetti, con “ Ennesimo abbandono” Menzione di merito;

Ilaria Greco con “ Il Dono della Poesia” Menzione di merito;

Paola Grazia Uccellatore con Leggero Profumo d’Amor, Menzione di merito;

Elena Denisa Alexandru con “L’Assassino dei fiori”, Menzione di merito;

Sofia Fazzi, con “ Eccessi”, Menzione di merito

Emanuele Nicolo’, con “La Rugiada”, Menzione di merito;

Gabriele Iuliano con “ Gli albori della vita”, Menzione di merito.

Per la Categoria Senior:

Luigi Perroni con “Cu j’occhije chiuse” primo classificato;

Gabriele Patruno con “Virne”, secondo classificato;

Roberta Boschini con “Carme agostano”, terzo classificato;

Per la sezione Monte San Biagio:

Raffaella Marolda con “La felicità ritrovata” primo classificato;

Enrico Edoardo Gavassino con “ L’ Antico rito”, secondo classificato;

Antonio Chiades con “ Sera d’ autunno” terzo classificato.

Il Premio speciale è stato consegnato dalla Giuria a Sara De Felice, per la poesia “Speranza”dedicata a Monte San Biagio.

Si ringrazia il Centro Anziani di Monte San Biagio per aver sempre sostenuto l'iniziativa come anche la Pro Loco e il Gruppo Folk. 

Un ringraziamento speciale va alle famiglie D'Aniello e Mureddu che in queste prime edizioni del concorso hanno voluto omaggiare il paese con contributi significativi.

Un ringraziamento va alla giovane scrittrice e poetessa Sara D’ Aniello che si è innamorata del borgo di Monte San Biagio e dei suoi abitanti e presto l’ Amministrazione comunale Comune di Monte San Biagio le riservera’ una sorpresa.

Un tocco di grazia all’ evento è stato dato attraverso il connubio di Musica e Parole. Un omaggio musicale da parte di Luigi La Serra e un omaggio come voce narrante ed espressiva da parte di Francesca Rasi.

Appena si potra’ viaggiare in libertà, varra’ la pena fare un giro nel week end a Monte San Biagio e portare a casa uno dei prodotti di eccellenza

tra le produzioni tipiche, la salsiccia al coriandolo a cui è dedicata anche una sagra nel paese.

In un momento cosi’ particolare dove molte priorita’ degli esseri umani vengono meno, e' sempre un piacere assistere e condurre la Premiazione di un Premio di Poesia e poter interpretare i versi di chi ha scritto con emozione.  Perché la Poesia e' respiro, sollievo, brivido, abbraccio.  E' infinita come la Vita.

Auguro un grande successo per la prossima terza edizione del concorso nazionale di poesia "Versi nel Borgo" per questa idea promozionale della Poesia. Viva la Cultura sempre!

Non possiamo abolire la cultura, la musica, il teatro, anche in una situazione estrema come questa." Riccardo Muti, Vienna, 1 gennaio 2021

Francesca Rasi

© Riproduzione riservata