Brescia-Monza 0-1 Diciannovesima Giornata Serie B 2020-'21

Brescia-Monza 0-1 Diciannovesima Giornata Serie B 2020-'21

Successo pesantissimo dei brianzoli, che si issano al secondo posto in compagnia della Salernitana: decide una rete di Davide Frattesi al 55'

stampa articolo Scarica pdf

Il Monza torna dalla difficile trasferta di Brescia con tre punti importantissimi, che gli consentono di entrare in zona promozione, superando il Cittadella (sconfitto per 1-0 in Laguna dal Venezia): i "bagai della Brianza" sono ora in seconda posizione, in compagnia della Salernitana, a -4 dalla capolista Empoli (di scena all'U-Power Stadium il prossimo 6 febbraio alle ore 16).

La prima frazione di gara è molto equilibrata e combattuta, con ritmi alti ma ben poche occasioni da rete: al 10' un sinistro dalla distanza di Frattesi è bloccato a terra dall'estremo difensore locale Joronen, al 20' Mota Carvalho ci prova con un destro a giro dalla "lunetta" dell'area di rigore mancando di poco la porta, quindi al 43' è Bisoli a provarci, ma il suo destro da fuori si spegne a lato, alla destra di Di Gregorio. Il primo tempo, nel freddo pungente del "Mario Rigamonti", si chiude a reti inviolate.

La ripresa vede il Monza scendere in campo più spigliato, alla ricerca dell'intera posta. Già al 55' arriva il vantaggio brianzolo, grazie al sempre attento Davide Frattesi, perentorio nello stacco a incornare in rete un calcio d'angolo battuto da Barberis. Nell'occasione, non impeccabile il portiere bianco-azzurro Joronen, il quale, oltre a venir sorpreso sul primo palo, si fa sfuggire dalle mani la sfera, che si insacca passandogli sotto le gambe. I bresciani reagiscono immediatamente, impegnando Di Gregorio per due volte in una sola azione, al 59': il portiere bianco-rosso, però, dimostra il proprio valore prima allungandosi a deviare un destro angolato di Van de Looi, quindi respingendo coi pugni un secco sinistro da distanza ravvicinata di Karacic. Dopo una debole conclusione di Gytkjaer facilmente abbrancata da Joronen al 68', il Monza sfiora il raddoppio al 73' con lo stesso danese: il suo destro a botta sicura, smorzato dal portiere locale, viene respinto nei pressi della linea di porta da Karacic. Dall'alto del suo maggior tasso tecnico, il Monza controlla la partita, sicché l'unica occasione bresciana consiste in una girata di Donnarumma all'88', terminata abbondantemente alta senza impensierire Di Gregorio.

Finisce, quindi, col meritato successo monzese per 1-0, risultato che proietta gli uomini di Cristian Brocchi al secondo posto a pari merito con la Salernitana, in attesa del recupero di mercoledì Chievo-Cittadella. Dopo un inizio di campionato non esaltante, dovuto al grande rinnovamento della rosa, il Monza è ora ai primissimi posti della graduatoria: la vetta, attuale appannaggio dell'Empoli, dista solamente quattro punti. Per la statistica, non si vedeva un Monza così in alto in cadetteria dai tempi del "TurboMonza" del quadriennio 1976-1980, cioè da oltre quarant'anni: quattro decenni nei quali i sostenitori monzesi hanno patito tante delusioni, potendo gioire solo raramente. Questa, dunque, può essere la stagione buona per chiudere un cerchio rimasto aperto per tanto (troppo) tempo.

Giuseppe Livraghi

Fonte della fotografia: Foto Buzzi

BRESCIA-MONZA 0-1 (0-0)

RETE: Frattesi al 55'.

BRESCIA (3-4-1-2): Joronen; Papetti (dall’88′ Fridjonsson), Chancellor, Mangraviti; Karacic, Bisoli, Van de Looi (dal 75′ Dessena), Martella; Spalek (dall’81′ Jagiello); Ayé (dall’81′ Ragusa), Donnarumma. Allenatore: Dionigi.

MONZA (4-3-3): Di Gregorio; Donati, Bellusci, Bettella, Carlos Augusto; Frattesi (dal 79′ Armellino), Barberis (dal 91′ Fossati), Barillà; Boateng, Gytkjaer (dall’85′ Maric), Mota Carvalho. Allenatore: Brocchi.

ARBITRO: Luca Massimi di Termoli (Campobasso).

NOTE: ammoniti Van de Looi (B) al 3’, Bellusci (M) al 47’, Mangraviti (B) al 54’, Chancellor (B) al 56’, Barillà (M) al 62’, Spalek (B) al 70’ e Fridjonsson (B) al 93’. Calci d’angolo 6-5 per il Monza. Recupero 1’+4’. Partita disputata a porte chiuse.

© Riproduzione riservata