I Top E I Flop Di Inter-Juventus 1-2 Semifinale (andata) Coppa Italia 2020-'21

I Top E I Flop Di Inter-Juventus 1-2 Semifinale (andata) Coppa Italia 2020-'21

Bene Martinez e il solito Barella, disastroso Handanovic, male Bastoni e Young

stampa articolo Scarica pdf

L'Inter cede in casa alla Juventus, mettendo seriamente a rischio il suo cammino in Coppa Italia: per qualificarsi, i meneghini dovranno vincere il confronto di ritorno con due reti di scarto, oppure con una rete di margine ma segnandone almeno tre (quindi 3-2, 4-3, eccetera). Un'affermazione interista col medesimo risultato di 2-1 porterebbe ai tempi supplementari ed eventualmente ai tiri di rigore. I migliori nerazzurri di questo confronto d'andata sono sicuramente Lautaro Martinez e il solito Nicolò Barella, mentre sono negative le prove di Samir Handanovic (disastroso), Alessandro Bastoni e Ashley Young.

--->I TOP

LAUTARO MARTINEZ 6,5: bella partita dell'attaccante nero-azzurro, sempre attivo e in agguato. Sblocca la situazione "bruciando" sullo scatto De Ligt: il suo destro s'infila in rete beffando Buffon (che può solo smorzare).

NICOLÒ BARELLA 6,5: è un abbonato. Ovviamente non allo stadio, ma alle prestazioni positive. Anche questa volta è uno dei migliori: corre, gioca a tutto campo, è l'ultimo ad arrendersi. Va anche vicino alla rete del pareggio con una conclusione in acrobazia. Prendendo in prestito una frase di un noto spot dei primi anni Ottanta, potremmo definirlo "Qualità costante nel tempo" (ovviamente scandendo bene le parole).

--->I FLOP

SAMIR HANDANOVIC 4: le responsabilità dell'errore/orrore da cui nasce la rete del vantaggio juventino vanno divise tra lui e Bastoni. Tuttavia, la frase "dividere in due" non è l'equivalente di "dividere in due parti uguali": Bastoni sbaglia a non gettare il pallone lontano (nel Lambro, nell'Olona, nel Seveso, in uno dei Navigli, fate voi), ma lui cosa faceva a trequarti campo?

ALESSANDRO BASTONI 5: protagonista dell'errore/orrore che porta alla seconda rete di Cristiano Ronaldo, ma le colpe maggiori sono di Handanovic, che oltre a uscire fino a trequarti campo non lo avverte dell'arrivo di CR7. Resta, comunque, il fatto che avrebbe dovuto allontanare quel pallone "fin dove si leva il Sole" (per usare un modo di dire lombardo).

ASHLEY YOUNG 5: trattiene ingenuamente Cuadrado su un cross assolutamente innocuo (o quasi), provocando il calcio di rigore che cambia la partita. Da lì in poi, va in confusione. Grave ingenuità.

Giuseppe Livraghi

Fonte della fotografia (archivio): Emanuele Gambino (Unfolding Roma Magazine)

© Riproduzione riservata