I Top E I Flop Di Lazio-Sampdoria 1-0 Ventitreesima Giornata Serie A 2020-'21

I Top E I Flop Di Lazio-Sampdoria 1-0 Ventitreesima Giornata Serie A 2020-'21

Fra i capitolini brillano Luis Alberto, Milinković-Savić e Acerbi, maluccio Muriqi

stampa articolo Scarica pdf

Importante affermazione casalinga della Lazio, che si riprende immediatamente dalla sconfitta di San Siro con l'Inter: il confronto coi sampdoriani viene deciso da una realizzazione di Luis Alberto su assist di Sergej Milinković-Savić. Appunto i due protagonisti delle rete sono i migliori in campo fra le fila dei capitolini, in compagnia di Acerbi. Maluccio, invece, Muriqi.

--->I TOP

LUIS ALBERTO 7: prestazione molto positiva. Qualità in quantità. Quando ha la palla fra i piedi bisogna sempre aspettarsi qualche invenzione: un fatto positivo per lo spettacolo, un po' meno per gli avversari. Segna la rete decisiva (la settima, per lui, in questo campionato) destreggiandosi fra cinque avversari nello stretto e in una frazione di secondo, battendo il portiere blucerchiato con un destro piazzato imprendibile. Classe sopraffina.

SERGEJ MILINKOVIĆ-SAVIĆ 7: il "sergente" offre un'altra prestazione maiuscola. Autentica colonna di questa Lazio, è autore dell'assist che Luis Alberto trasforma in una rete di pregevole fattura. Quando la sfera è a lui si è al sicuro.

FRANCESCO ACERBI 6,5: riscatta l'opaca prestazione di San Siro giocando una partita senza sbavature. Caparbietà, generosità, precisione nelle marcature e grande personalità. Inappuntabile.

--->I FLOP

VEDAT MURIQI 5,5: d'accordo, entra per far rifiatare la squadra, facendo il cosiddetto "lavoro sporco" (in senso buono), ma l'errore che commette "da zero metri" (non riuscendo a insaccare un ottimo assist di Marušić) ha dell'incredibile. In quell'occasione è sembrato di rivedere Paulo Roberto Cotechiño, con la differenza (non di poco conto) che quest'ultimo è un personaggio comico immaginario. Il suo grave errore lascia aperta la sfida fino al fischio finale.

Giuseppe Livraghi

Fonte della fotografia: Emanuele Gambino (Unfolding Roma Magazine)

© Riproduzione riservata