In Uscita Il 16 Aprile Il Nuovo Album “Immaginari” Del Gruppo Canarie

In Uscita Il 16 Aprile Il Nuovo Album “Immaginari” Del Gruppo Canarie

8 tracce tra il pop e la Samba .Attimi e spunti sull’amore, sull’adolescenza ed il mare

stampa articolo Scarica pdf

In uscita il 16 aprile il nuovo album “Immaginari” del gruppo Canarie, 8 tracce tra il pop e la Samba .Attimi e spunti sull’amore, sull’adolescenza ed il mare, ci sorprendono , un mare che, con le sue correnti, cinge le isole, metafora dell’essere umano il quale attraverso contrasti e movimenti si ritrova ad amare.

La magia di un amplesso per superare l’insonnia, baci di un adolescente rubati, una storia che sta per finire. Questo e molto altro in un ritmo brasiliano con un retrogusto di tristezza, la saudade, misto ad un pop psichedelico e scintillante.

Le immagini, le rime poetiche velate di una certa ironia e catapultate in un sogno che a volte sfocia nella realtà, ci rimandano ad un’atmosfera onirica e fantasiosa, dove il cantautore gioca con le parole creando scenari suggestivi ed interessanti, mai banali.

La sua rima ricorda un po' Sergio Caputo, con le sue piroette testuali, ma quello che spicca è la metafora dell’isola , del mare che ci travolge in emozioni e sentimenti liberi da formalismi e stereotipi.

Le parole in libertà del gruppo, infatti, rendono le immagini e le sensazioni scevre da ogni regola metrica, a volte si è quadri ribelli a volte ciclopi, il tutto condito da una certa ironia sulla vita e lontano da ogni forma di quotidianità, salvo poi scoprirne le tracce in piccoli indizi, come un chicco di basmati o l’ambizione di un posto in prima fila nel palcoscenico del mondo.

Non ultimo, l’amore è descritto da attimi di felicità, come l’ultimo incontro tra due amanti o pomeriggi annoiati che traspirano poesia e romanticismo.

Attraverso l’armonia dei testi, la saudade (nostalgia)riecheggia nel cuore dell’artista ma viene trasformata da ritmi pieni di melodie sognanti, quasi sublimata.

La tristezza di fondo infatti viene ben mascherata dalla fantasia delle parole utilizzate e da un mondo fatto si di solitudine ma anche di poesia che porta ad un certo ottimismo e positività laddove, nei tumulti dell’anima, ci sarebbe da scavare.

Monica Pecchinotti

© Riproduzione riservata