Lazio Troppa Sofferenza Col Benevento Nonostante Immobile E Correa

Lazio Troppa Sofferenza Col Benevento Nonostante Immobile E Correa

I gol di Immobile e Correa, il gol annullato al Benevento e il largo vantaggio non bastano: la Lazio e i laziali sono destinati a soffrire

stampa articolo Scarica pdf

Succede di tutto allo Stadio Olimpico: alla Lazio non basta passare in vantaggio per 3 a 0, subisce il gol prima dell’intervallo, cala il poker in avvio di secondo tempo, ma Immobile sbaglia il rigore che poteva congelare il match e smette di giocare complicandosi incredibilmente la vita. E’ vero, conta il risultato e il quinto successo consecutivo permette alla Lazio di continuare a lottare per il quarto posto. E’ vero, Ciro Immobile è tornato al gol: con la doppietta arriva a quota 151 gol in A, interrompe un digiuno lungo due mesi, e si scalda al meglio in vista del doppio scontro diretto contro Napoli e Milan. Non solo, ma è tornato al gol anche Correa: una doppietta per lui, con un gol su rigore ‘scippato’ proprio ad Immobile inviando la risposta alle polemiche per i troppi gol sprecati in passato. Insomma, gli spunti positivi sarebbero anche tanti per analizzare Lazio-Benevento. Eppure, delle cinque, le ultime tre vittorie consecutive, hanno un comun denominatore: il gol in extremis. Contro Lo Spezia ci aveva pensato Caicedo, il leader dell’ultimo quarto d’ora, ha segnare dal dischetto il gol del decisivo 2 a 1 all’87^. Contro il Verona è stato Milinkovic Savic con il suo colpo di testa a consegnare ai biancoceleste la vittoria letteralmente all’ultimo secondo. Contro il Benevento c’è da dire che la Lazio stava già vincendo: “sprecato” l’ampio vantaggio, la Lazio era comunque in vantaggio per 4 a 3, ma il risultato poteva essere diverso se non ci fosse stato il Var. Già al 66^ il Benevento aveva trovato il terzo gol con Lapadula, annullato dall’arbitro Ghersini dopo aver visionato il Var. Gli ospiti hanno continuato a pressare e provarci fino a trovare la rete all’84^ con Glick. Un gol che ha ovviamente mantenuto alte le speranze di pareggio di un Benevento che a fine primo tempo sembrava spacciato e che ha fatto soffrire i tifosi biancocelesti fino all’ultimo istante. E’ arrivato al 94^ infatti il gol di Ciro Immobile che ha chiuso il match sul definitivo 5 a 3. Indice senza dubbio ci crede e ci prova fino alla fine, che lotta per il risultato e che ci tiene a tornare in Europa, magari in Champions League. Tanta sofferenza, però, fa riflettere e a suonare l’allarme è un leader in casa Lazio. Reina tramite i suoi social ha infatti avvisato: “Mezz’ora da SQUADRA, il resto da riflettere”. Parole a cui fanno eco quelle di Acerbi che a fine partita ammette che una grande squadra non può avere questi cali di concentrazione che rendono opaca la prestazione deludente, a detta dello stesso Acerbi.

Oggi il bicchiere è ancora mezzo pieno, ma basta poco, due partite, per svuotarlo completamente: il pericolo è dietro l’angolo, ma giovedì contro il Napoli torna Caicedo.

Enrica Di Carlo- Foto Emanuele Gambino

© Riproduzione riservata