Inaugurato A Porta Di Roma Il Nuovo Hub Vaccinale

Inaugurato A Porta Di Roma Il Nuovo Hub Vaccinale

Nel Centro Commerciale Porta di Roma inaugurato l'hub vaccinale, 1000 vaccini Pfizer al giorno.

stampa articolo Scarica pdf

La scorsa domenica è stato inaugurato il nuovo hub vaccinale al Centro Commerciale Porta di Roma, il primo non in modalità drive-in, realizzato in collaborazione con la ASL Roma 1 e la Croce Rossa Italiana.

Ad inaugurare la struttura il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, il Commissario Straordinario Generale Francesco Paolo Figliuolo, il Capo Dipartimento della Protezione Civile Fabrizio Curcio, l’Assessore alla Sanità, Alessio D’Amato, il Direttore del Centro Commerciale Porta di Roma Filippo de Ambrogi e il Presidente della Croce Rossa Italiana Francesco Rocca.

Posizionata al primo piano del Centro Commerciale Porta di Roma, di fronte al cinema multisala, la struttura vaccinale, vanta numeri “importanti”, di assoluto rispetto: la tensostruttura è di circa 1000 mq, 26 postazioni per anamnesi, 24 box per inoculazione vaccino e 4 postazioni di preparazione del vaccino più 60 sedute nella sala osservazione per il post vaccino. Il centro, già operativo dallo scorso 29 aprile, è aperto tutti i giorni dalle 8 alle 20 ed è partito con 1000 vaccini Pfizer al giorno, con 27 medici dedicati alla vaccinazione e 70 dipendenti destinati alle varie gestioni.

Una particolare attenzione è stata riservata all’accoglienza e al percorso e, soprattutto, al rapporto con il “singolo”, dall’accettazione alla sua uscita post vaccino.

Come ha dichiarato il Generale Francesco Paolo Figliuolo: “Questo hub vaccinale ha 24 linee di vaccinazione, al warm up si era parlato di 800 vaccinazioni giornaliere, che sono già passate a 1000. Tutto questo ci pone sopra la media italiana, come Regione Lazio, ma bisogna seguire il piano vaccinale in maniera ordinata, bisogna mettere in sicurezza prima gli over 65, per pensare di far ripartire il Paese e i numeri ci sono”.

Come ha dichiarato Nicola Zingaretti: ”L’Italia ce la farà, portando ad esempio le parole del Presidente Ciampi, in un periodo storico passato,  estremamente complicato. Bisogna avere consapevolezza dei problemi sanitari e sociali che stiamo affrontando, mai rassegnarsi; senza dimenticare mai l’impegno generoso e commovente di chi è in prima linea da un anno e mezzo (medici, infermieri, Croce Rossa, volontari, etc.). Il vaccino è la strada per la vita, per ripartire!”.

Abbiamo voluto chiedere alcune informazioni aggiuntive sulla struttura a Filippo de Ambrogi, Direttore del Centro Commerciale Porta di Roma, dal 2013, che ha fortemente voluto l’hub vaccinale.

Com’è nata la volontà di inserire un hub vaccinale nella struttura del Centro Commerciale Porta di Roma?

Porta di Roma e CRI collaborano dal 2013 per diversi progetti ed attività nel sociale, compresi progetti di assistenza sanitaria. Dopo aver ascoltato la necessità del Governo di incrementare e velocizzare le fasi di somministrazione dei vaccini contro il Covid-19, è nata l’idea della realizzazione di un hub vaccinale presso il centro commerciale Porta di Roma.

Un luogo sicuro, all’avanguardia, dove potersi venire a vaccinarsi in totale sicurezza, in un ambiente sano. Questo è stato l’input che abbiamo avuto e che conseguentemente abbiamo dato alla Asl Roma 1 e alla Croce Rossa che hanno collaborato con il Gruppo Klepierre (di cui Porta di Roma fa parte) per la relativa realizzazione.

La struttura che vedete è nata in un mese esatto, in uno spazio che era utilizzato per altre attività di servizio e di intrattenimento, che abbiamo subito convertito, perché la campagna vaccinale è un’esigenza primaria.

Non ci interessava la formula del drive-in, pur avendo 160.000 mq. di parcheggio. Volevamo che l’operazione fosse la migliore possibile.

E’ stato creato un unico percorso ad hoc, obbligato (dotato addirittura di una porta “anticontaminazione” all’entrata) che permette in un tempo stimato di 30 minuti, di uscire vaccinati.

E’ fondamentale per me, come Direttore e come cittadino, prendere parte in maniera fattiva ad una causa così essenziale: pensare che quando la persona uscirà vaccinata da qui, avrò contribuito anche io, mi fa star bene!

Il Gruppo Klepierre ha messo a disposizione oltre 30 siti, su tutto il territorio nazionale, Sardegna compresa, da dedicare a questa finalità.

Come hanno reagito i negozi e le attività del centro commerciale all’annuncio dell’apertura dell’hub vaccinale?

Ho ricevuto solo complimenti, che non mi aspettavo sinceramente, perché anche le attività commerciali, in questo momento storico, sono in forte sofferenza.

Ci teniamo a evidenziare come nel centro siano state attentamente implementate tutte le misure di sicurezza e prevenzione di cui alle norme e protocolli vigenti, ottenendo una specifica certificazione di qualità, in funzione dell’apertura dell’hub.

Di tutto ciò devo ringraziare il Presidente CRI Francesco Rocca,  il Presidente del comitato locale Francesco Pastorello, la Asl Roma 1 nella persona del Direttore Generale Angelo Tanese e la Regione Lazio.

Sostanzialmente non abbiamo tolto nulla a nessuno ed abbiamo aggiunto un’attività per il bene comune.”

Complimenti a tutti.

Articolo di Stefania Vaghi

© Riproduzione riservata