Natura E Psiche In Programmazione Di B-Art Gallery

Natura E Psiche In Programmazione Di B-Art Gallery

Presenta una selezione di opere tratte da due collezioni dell’artista, la cui pittura si caratterizza per un’eleganza spontanea

stampa articolo Scarica pdf


Continua con la pittura la programmazione di B-Art Gallery, l’eclettica galleria recentemente inaugurata nel cuore di Roma. E’ Rossella Giorgetti (Torre San Patrizio, FE, 1965) la nuova proposta dello spazio dedicato all’arte contemporanea, che con la consueta formula dell’opening dalla durata di 72h, - da venerdì 18 giugno alle ore 17:00 alle ore 23, invita a sperimentare un concetto d’esposizione intimo volto a trasformare la fruizione in sosta, accostando in ogni occasione l’opera d’arte a una selezione di vini d’eccellenza, scelti ad hoc.

L’esposizione, dal titolo Natura e Psiche, nata in collaborazione con la Galleria Zabriskie e curata da Luca Gatta e Gianlorenzo Bernini, presenta una selezione di opere tratte da due collezioni dell’artista, la cui pittura si caratterizza per un’eleganza spontanea, rinvigorita nelle sue opere dalla scoperta dei colori acrilici e dall’idealizzazione delle forme.

Nella collezione “Black” vi è tutto lo smarrimento, l’angoscia e al tempo stesso la volontà di superamento del buio periodo della pandemia. Una natura brillante e decadente è stagliata su uno sfondo nero che annullando la dimensione prospettica della rappresentazione suggerisce l’incertezza riservata verso il tempo a venire. Mirabile è in questa collezione l’uso delle tonalità di rosso che contrastando con spazi bui all’interno della composizione riescono a creare una significanza ossimorica inscritta tra gli opposti dialettici di vita e morte. In altre opere è possibile ravvisare tramite il significato simbolico del volo la volontà di evasione e di libertà che ha colto tutti noi durante la pandemia. Nell’opera “Il fascino dell’Aquila” il volo è contraddistinto da un’astrazione polisemica e fortemente materica. L’azione sembra incompiuta e ancora una volta suggerisce il senso dello smarrimento.

L’altra collezione in mostra, “Abissi” esprime già nel titolo una significatività specifica attribuitale dall’artista, ovvero quella di una realtà recondita e profonda nella quale è possibile osservare nei dettagli un vitalismo proprio della natura marina. Impressioni di coralli e rocce emergono come chiare reminiscenze dalla profondità delle acque. Il cromatismo fluido e ricercato è intonato e sapientemente graduato nella sua composizione.

© Riproduzione riservata