Campionato Europeo 2020, Francia Eliminata Da Una Svizzera Irriducibile

Campionato Europeo 2020, Francia Eliminata Da Una Svizzera Irriducibile

I transalpini passano dal trionfo iridato del 2018 in Russia a una precoce eliminazione dalla rassegna continentale. Mbappé la grande delusione

stampa articolo Scarica pdf

Dopo l'Olanda, gli ottavi di finale del Campionato Europeo vedono la precoce uscita di scena di un'altra “grande”: la Francia campione iridata, piegata da un'irriducibile e coriacea Svizzera dopo una vera e propria “maratona” conclusasi ai tiri di rigore.

Non tragga in inganno la decisione dagli undici metri: passati in vantaggio al 15' grazie a un colpo di testa Haris Seferovic, gli elvetici hanno addirittura buttato al vento il possibile 2-0 al 55', quando un calcio di rigore (malamente) tirato dal torinista Ricardo Rodriguez è stato sventato dal portiere transalpino Hugo Lloris.

Il penalty mancato è consistito nella svolta della gara, poiché nel volgere di pochi minuti i francesi hanno prima pareggiato (57') e poi effettuato il “sorpasso" (59') grazie a una doppietta di Karim Benzema.

Il 3-1 di Paul Pogba al 75' pareva la “pietra tombale” sulle speranze degli svizzeri, che invece hanno saputo reagire, siglando il 3-2 all'81' con Seferovic e impattando al 90' con una bella rete del ticinese (d'origine croato-bosniaca) Mario Gavranovic, portando la contesa ai tempi supplementari.

La resistenza opposta nei trenta minuti aggiuntivi ha consentito ai rossocrociati di giocarsi tutto ai tiri dal dischetto, dove è stato decisivo l'errore del tanto atteso Kylian Mbappé (bella parata dell'estremo difensore Yann Sommer).

Senza dubbio questa rassegna europea ha visto il clamoroso "flop" del campione transalpino del Paris Saint-Germain, il quale (oltre ad essere stato -nel male- decisivo nella sfida con la Svizzera) è rimasto clamorosamente a secco in tutto il Campionato Europeo: quattro partite disputate (al cospetto -nell'ordine- di Germania, Ungheria, Portogallo e Svizzera) e zero reti realizzate.

Ragionando in minuti (senza contare i vari recuperi), si tratta di 390 giri di lancette (421 prendendo in considerazione i vari minuti di recupero), con all'attivo zero marcature e un solo assist (quello a Benzema per il momentano 1-1 del confronto con gli elvetici), senza dimenticare il tiro di rigore (decisivo) non trasformato.

La Francia passa, quindi, dal trionfo iridato del 2018 in Russia a questa delusione continentale: di contro, un'irriducibile Svizzera festeggia il suo primo (storico) approdo ai quarti di finale di un Campionato Europeo.

La selezione guidata dal CT Vladimir Petkovic ha dimostrato di saper soffrire e il prossimo 2 luglio affronterà la Spagna con l'intento di centrare una storica qualificazione alle semifinali.

La sfida alle “furie rosse” consiste in una missione impossibile?

Può darsi, ma anche quella alla favoritissima Francia era dai più ritenuta tale...

Giuseppe Livraghi

Fonte della fotografia: pagina Facebook ufficiale della Nazionale Svizzera di calcio (Swiss Nati Men)

© Riproduzione riservata