Balotelli, L'avventura Al Monza è Finita: SuperMario è Svincolato

Balotelli, L'avventura Al Monza è Finita: SuperMario è Svincolato

Tra alti e bassi, l'ex Azzurro chiude la sua esperienza in Brianza con un bottino di 6 reti in 14 partite disputate

stampa articolo Scarica pdf

Quando, sette mesi fa, il Monza ne ufficializzò il tesseramento, sembrò logico ipotizzarne la riscossa: le cose, però, sono andate diversamente.

Ci stiamo riferendo a Mario Balotelli, giunto al sodalizio brianzolo lo scorso 7 dicembre, per poi andare a segno già alla prima partita disputata, vale a dire il 30 dicembre 2020, al 4' del confronto casalingo vinto per 3-0 al cospetto della Salernitana.

L'ottimo inizio fece ben sperare: invece, tra alti, bassi e infortuni, il bottino di "SuperMario" è consistito in 6 marcature in 14 presenze, il che ha portato il sodalizio guidato da Silvio Berlusconi e Adriano Galliani a non rinnovare il contratto all'ex Azzurro, che dal 1° luglio 2021 è, dunque, svincolato.

Balotelli è andato a segno anche nell'1-0 esterno col ChievoVerona (60'), due volte nel vittorioso confronto di ritorno coi salernitani (siglando il 2-1 all'81' e il definitivo 3-1 al 91'), a Cosenza (sbloccando il risultato al 73', in una partita poi terminata col successo per 3-0 dei lombardi) e nella semifinale di ritorno dei play-off col Cittadella (segnando l'1-0 biancorosso al 58', in una gara poi conclusasi con l'inutile affermazione per 2-0 dei briantei, eliminati per via del pesante rovescio per 0-3 incassato all'andata in Veneto).

L'avventura di "Balo" in maglia biancorossa annovera anche un assist (fornito a Davide Diaw per il definitivo 0-3 di Cosenza-Monza dello scorso 7 maggio), ma anche ben quattro ammonizioni, rimediate in occasione di Monza-Pordenone 2-0 del 6 marzo, di Ascoli-Monza 1-0 del 10 aprile, di Salernitana-Monza 1-3 del 1° maggio e di Monza-Lecce 1-0 del 4 maggio.

Da un ex Azzurro (peraltro non ancora "anziano", in quanto spegnerà trentuno candeline il prossimo 12 agosto) era logico e quasi obbligatorio attendersi qualcosa in più.

Al Monza resta, invece, l'amarezza per una promozione più che alla portata ma mancata per poco (ovviamente non solamente a causa delle non entusiasmanti prestazioni di Balotelli): la prossima stagione, con Giovanni Stroppa (già in biancorosso da calciatore, nel biennio 1987-1989) in panchina, i "bagai della Brianza" tenteranno nuovamente di conquistare la tanto agognata Serie A, lottando contro avversari (sempre più "agguerriti") e fantasmi (quelli della massima divisione sfiorata per quattro stagioni consecutive dal 1976-'77 al 1979-'80, nonché in quest'ultima annata 2020-'21).

Nella città brianzola sono, però, certi di riuscire a (simpaticamente) smentire il famoso Renato Pozzetto, che nel suo film (del 1979) "Agenzia Riccardo Finzi... praticamente detective" faceva proferire al suo personaggio (Riccardo Finzi, appunto) tifoso monzese la frase: «Io sono del Monza, non riusciremo mai a venire in Serie A».

La massima divisione sarebbe un meritato traguardo per una città con una grande storia, capoluogo della Provincia di Monza e della Brianza, terza città lombarda per popolazione (con poco meno di 124mila abitanti, alle spalle di Milano -circa 1 milione e 400mila- e Brescia -195mila-) e centro di quel territorio brianzolo che consiste in una delle aree più produttive d'Europa.

Giuseppe Livraghi

Fonte della fotografia: Foto Buzzi

© Riproduzione riservata