Roma: La Video Denuncia Della Lega, Zodiaco Trasformato In Discarica

Roma: La Video Denuncia Della Lega, Zodiaco Trasformato In Discarica

Ci chiediamo i motivi per i quali il Belvedere dello Zodiaco in viale del Parco Mellini inserito nella Riserva Naturale di Monte Mario, di competenza dell'ente Roma Natura, venga di fatto lasciato in uno stato pessimo

stampa articolo Scarica pdf


"Con la chiusura de Lo Zodiaco e la vista mozzafiato trasformata in discarica un luogo magico di Roma viene lasciato all'abbandono e al degrado totale. E' questo l'esempio lampante di come un privato, costretto a chiudere per difficoltà varie, determini lo stato di abbandono anche di spazi pubblici che dovrebbero essere tutelati dalle Istituzioni per il solo fatto di essere presenti in tutte le più importanti guide turistiche del mondo". Così in una nota Fabrizio Santori, dirigente regionale della Lega, che ha pubblicato sul suo profilo facebook un video che documenta la presenza di rifiuti ovunque, erbaccia infestante, luoghi insulsi e malcurati."Ci chiediamo i motivi per i quali il Belvedere dello Zodiaco in viale del Parco Mellini inserito nella Riserva Naturale di Monte Mario, di competenza dell'ente Roma Natura, venga di fatto lasciato in uno stato pessimo sia dalla Regione Lazio che dal Comune di Roma quando potrebbe essere il fiore all'occhiello del processo di rilancio turistico della Capitale. Tanti romani stanno dimostrando rammarico, sdegno e nostalgia per la perdita di un posto che è stato un punto di riferimento per la giovinezza di moltissime persone anche perché nessuna altra città al mondo può vantare un luogo così romantico situato sulla sommità di Monte Mario con il punto più alto di Roma a 139 metri di altezza rendendolo magico e ricco di storia anche per la presenza del famoso Osservatorio Astronomico e Meteorologico, una delle poche strutture del XV secolo ancora esistenti"."Ci auguriamo che il sindaco di Roma e il presidente della Regione per una volta siano in grado di intervenire restituendo questo spazio ai romani che sono stanchi di approssimazione e lassismo", conclude Santori.

© Riproduzione riservata