Giornata Mondiale Del Cane, Ricordando I Cani Più Famosi Della Storia

Giornata Mondiale Del Cane, Ricordando I Cani Più Famosi Della Storia

I nostri amici a quattro zampe sono importanti per tre motivi : amore, fedeltà e coraggio.

stampa articolo Scarica pdf


Oggi 26 Agosto è la giornata mondiale del cane, in questo articolo vi parleremo di alcuni esemplari che si sono distinti nell'arco della storia. I nostri amici a quattro zampe sono importanti per tre motivi : amore, fedeltà e coraggio. Come affermava il mitico Antonio De Curtis in arte Toto’ “Il cane è nu signore”.

In una celebre intervista che la nota giornalista Oriana Fallaci fece a Toto’. La giornalista chiese perché un personaggio del suo calibro recitasse in films di scarsa qualità? Totò rispose:

– “Signorina mia (…) io non posso vivere senza far nulla: se vogliono farmi morire, mi tolgano quel divertimento che si chiama lavoro e son morto. Poi sa: la vita costa, io mantengo 25 persone, 220 cani… I cani costano…”.

– “220 cani?!? E perché? Che se ne fa di 220 cani?!” –

– “Me ne faccio, signorina mia, che un cane val più di un cristiano. Lei lo picchia e lui le è affezionato l’istesso, non gli dà da mangiare e lui le vuole bene l’istesso, lo abbandona e lui le è fedele l’istesso. Il cane è nu signore, tutto il contrario dell’uomo. (…) Io mangio più volentieri con un cane che con un uomo.”

Oltre al mitico e intramontabile Toto, molti di voi ricorderanno la figura di Hachiko(1923-1935). Era il cane di un professore universitario giapponese, la storia fu resa famosa grazie al film hollywoodiano con Richard Gere. Hachiko l’accompagnava ogni mattina il suo padrone a prendere il treno. Dopo qualche tempo il padrone mori. Hachiko non rinuncio all’idea di non rivedere il suo amato amico umano, infatti, rimase lì ad attenderlo fino all’arrivo della sua morte. Dopo la grande storia d’amore di Hachiko passiamo a Laika. Chi non ricorda la famosa cagnolina che nel lontano 1957, fu lanciata nello spazio, a bordo Sputnik 2. In quei anni il programma spaziale russo fece ampio uso degli animali, soprattutto di cani. Dopo Laika fu la volta di Belka e Strelka. Innumerevoli esempi di fedeltà e coraggio la storia narra.

Sapevate che anche Ulisse e Alessandro Magno potevano contare su un fedele amico a quattro zampe. Il noto cane di Alessandro Magno era Peritas, fedele e coraggioso compagno di battaglia, di cui raccontano Plutarco e Plinio il Vecchio. La leggenda vuole che Peritas per conquistare la fiducia del suo padrone lotto contro un leone un elefante. Mentre Argo era il fedele amico di Ulisse, di lui sappiamo veramente poco. Le fonti narrano che Argo attese per anni il ritorno di Ulisse a Itaca. Dopo che lo rivide morì tra le sue braccia. Vari esempi la narrazione storica ci propone. Negli anni avvenire si è scoperto l’importanza del cane, soprattutto per curare alcune malattie. Nasce la Pet Therapy, termine coniato ( 1964)dallo psichiatra Boris M. Levinson in cui aveva notato gli effetti benefici del suo cane su un paziente autistico. Difatti la Pet Therapy negli anni ha acquisito una grande importanza per aiutare i paziente autistici o persone che hanno problemi comportamentali. Secondo alcuni studi l’aiuto dei cani inseriti in apposite strutture ha incentivato un miglioramento comportamentale e comunicativo. Perchè? Il cane non giudica chi ha davanti e ama incondizionatamente chi gli dedica un attimo d’amore.

Mimma Gaziano

© Riproduzione riservata