Il Punto Sulla Coppa Italia Di Serie C

Il Punto Sulla Coppa Italia Di Serie C

Gli ottavi di finale vedono avanzare AlbinoLeffe, Catanzaro, Viterbese, Piacenza, Padova, Alto Adige, Fidelis Andria e Teramo

stampa articolo Scarica pdf

Grandissimo equilibrio nelle gare degli ottavi di finale di Coppa Italia di Serie C: nessuna partita si è risolta con più di una rete di scarto, una (Padova-Virtus Entella) si è protratta fino ai tempi supplementari e due (AlbinoLeffe-Trento e Modena-Piacenza) fino ai tiri di rigore.

Successo ai tiri dagli undici metri per l'AlbinoLeffe in casa sul Trento (seguito in Lombardia da cinque volenterosi sostenitori): in svantaggio al 48' per via di un centro di Barbuti, i seriani impattano all'85' con Ravasio, portando la sfida ai tempi supplementari. I trenta minuti aggiuntivi sembrano scorrere via placidi, in attesa dei tiri dal dischetto, finché al 115' i padroni di casa passano a condurre grazie a un centro di Tommaselli. Sembra fatta, invece al 121' Scorza sigla il 2-2, portando il confronto ai rigori, che sanciscono il successo dell'AlbinoLeffe per 8-7 (decisivo l'errore di Simonti, la cui conclusione è parata dal portiere lombardo Facchetti).

Soluzione dal dischetto anche nel derby emiliano Modena-Piacenza. Piacentini in vantaggio già al 7' grazie a Simonetti, quindi la reazione modenese porta al 3-1 con le reti di Silvestri al 20', Minesso (su rigore) al 37' e ancora Minesso al 53'. Sembra finita, invece i "papaveri" riconquistano la parità nel volgere di tre minuti: Dubickas al 62' e Parisi al 65' portano il risultato sul 3-3, che resite fino al 90'. Nei supplementari, il Modena sigla il 4-3 al 99' con Minesso (autore di una splendida tripletta), ma una prodezza di Corbari al 106' fissa il punteggio sul 4-4. Ai rigori ha la meglio la compagine ospite, per 4-3: protagonista il portiere biancorosso Libertazzi, che parando i tiri di Castiglia e Mosti consente alla "lupa" di accedere ai quarti di finale.

Assai più "tranquille" le affermazioni di Catanzaro, Viterbese e Teramo, tutte vittoriose per 1-0, rispettivamente con Palermo (in casa, grazie a un centro di Curiale al 68'), Ancona-Matelica (in trasferta, goal di Iuliano al 55') e Pescara (in casa, decisivo un guizzo di Viero al 51'). 

Cade la Juventus U23 detentrice del trofeo, piegata per 2-1 sul campo dell'Alto Adige: dopo aver chiuso la prima frazione sul 2-0 (reti di Odogwu al 34' e Candellone al 41'), nella ripresa gli altoatesini subiscono la reazione ospite, che comunque non porta oltre la rete di Caviglia (62').

Medesimo risultato anche in Padova-Virtus Entella Chiavari, benché maturato dopo i tempi supplementari: avanti al 62' con una prodezza di Capello, i liguri vengono raggiunti un minuto più tardi da Bifulco. I patavini strappano, poi, la qualificazione grazie a un goal di Chiricò all'ultimo minuto del primo tempo supplementare (105').

Tante marcature, infine, nel derby pugliese Foggia-Fidelis Andria, risoltosi col successo per 3-2 degli ospiti. Avanti al 33' con Bubas, la Fidelis incassa il pari nel recupero del primo tempo (49') per via di una prodezza di Garofalo. Ospiti di nuovo in vantaggio al 58' (rete di Di Piazza), ma nuovamente raggiunti: il pari foggiano giunge al 70' grazie a Garofalo, dopo che al 64' Curcio aveva fallito il calcio di rigore del possibile 2-2. Al 79', però, Di Piazza (su rigore) sigla il definitivo 3-2 andriese.

Gli abbinamenti dei quarti di finale (anch'essi in gara unica) saranno decisi dal sorteggio integrale. 

Giuseppe Livraghi

Fonte della fotografia: Emanuele Gambino (Unfolding Roma Magazine) 

© Riproduzione riservata