In Uscita Il 3 Dicembre 2021 L’album Dei Sanlevigo

In Uscita Il 3 Dicembre 2021 L’album Dei Sanlevigo

Band romana costituitasi nel 2017, sul tema dell’amore perduto e le sue conseguenze

stampa articolo Scarica pdf

In uscita il 3 Dicembre 2021 l’album dei Sanlevigo, band romana costituitasi nel 2017, sul tema dell’amore perduto e le sue conseguenze.

L’Album “Un giorno all’alba” consta di varie citazioni letterarie, come il cantico dei cantici nell’intro “Il fondo dei ricordi” e dei sonetti di Shakespeare, il 116 in “In nessun luogo, ovunque” e in “Perdersi” sonetto 90.

Queste citazioni impreziosiscono un lavoro durato 4 anni dalla band, un vero e proprio excursus attraverso una storia finita , difficile da superare da parte del protagonista, dove l’amata rimane distante, fredda, quasi inumana tranne nella canzone “in nessun luogo, ovunque “dove ella declama un insieme di parole dolci dedicate all’amato”, parole che si ripetono in “un pugnale nel cuore” dove i sentimenti vengono percepiti come ormai traditi.

Un pugnale nel cuore e una mano sulla bocca indicano la difficoltà e l’impossibilità di rielaborazione del lutto . In “Un’ insurrezione” la ragazza dichiara il suo amore, come anche in “Fobos e Deimos”.

Dal canto suo, il ragazzo sembra faticare nel superare la rottura, nel dimenticare e nell’accettare una possibile nuova storia di lei, come descrive in “Origami”. I ricordi vengono mantenuti e conservati in un piccolo amuleto, lo Shen, contro l’azione del tempo che “sfugge ed inganna”.

Come le tre tessitrici della vita, le 3 Moire, decidono del destino di ognuno alla nascita e della propria morte, il tempo ci ruba i ricordi e la vita stessa.

In “perdersi”, suite in 3 movimenti, la relazione del tempo con la storia d’amore è essenziale, laddove si vive nel presente per poi perdersi nell’oblio di quello che è stato. La doppiatrice Alessia Amendola dà una voce narrante alla figura di lei.

L’immagine del protagonista, invece, si riassume nell’ultima frase del brano “Origami”, cioè “ogni amore mira alla tragedia”. La difficoltà nello sperare nel futuro crea uno stato di disperazione, all’idea che l’amata possa rifarsi una vita ad un ipotetico risveglio in un giorno qualunque.

Il taglio romantico, drammatico e struggente di questo brano riassume tutta l’epopea narrativa della storia tra due amanti che non si ritrovano più.

Monica Pecchinotti

© Riproduzione riservata