Milan - Napoli: I Partenopei Sbancano San Siro Con L'aiutino

Ai partenopei basta una rete di Elmas per battere la squadra di Pioli, che nel finale si vede annullare la rete di Kessié per un fuorigioco inesistente

stampa articolo Scarica pdf

"Alla ricerca dell'anti-Inter". Se qualcuno avesse avuto il compito di cercare un titolo alla serata di Serie A, quello della partita tra Milan e Napoli sarebbe stato facile da trovare. Dopo avere condotto a braccetto per quasi tutto il girone d'andata, infatti, le squadre di Pioli e Spalletti hanno subito il ritorno della corazzata nerazzurra, che ha guadagnato condizione e fiducia mentre le due avversarie perdevano pezzi e punti per strada.

Poca scelta per entrambi gli allenatori, con Pioli che davanti sceglie Messias titolare al posto di Saelemaekers, al fianco di Brahim Diaz e Krunic, tutti al servizio di Zlatan Ibrahimovic. In difesa, Florenzi vince ancora il ballottaggio con Kalulu a destra, mentre dalla parte opposta si rivede Ballo Touré a causa della febbre che ha bloccato Theo Hernandez. In mezzo, oltre al punto fermo Kessié, è Tonali a guadagnarsi una maglia da titolare a scapito di Bennacer.

Spalletti risponde con una mossa a sorpresa e quasi cabalistica: Petagna titolare al centro dell'attacco al posto di Mertens,  con l'ex-rossonero pronto a fare lo scherzetto col supporto di Zielinski e Lozano. A centrocampo c'è Anguissa, il giocatore che più di tutti era mancato nello scacchiere partenopeo, ma resta la grave emergenza difensiva che costringe il tecnico di Certaldo a rispolverare Juan Jesus al fianco di RRahmani, Malcuit e Di Lorenzo.

É una partenza lampo, quella del Napoli, che dopo cinque minuti di pressing alto e ritmi elevati, trova la rete su calcio d'angolo: Zielinski mette un pallone teso in mezzo, Elmas lascia Tonali sul posto e di testa schiaccia il pallone infilandolo alle spalle di Maignan. La rete carica i partenopei, che vanno vicini al raddoppio con Anguissa, ma col passare dei minuti cresce il Milan, che spaventa la difesa avversaria con un colpo di testa di Ibrahimovic da posizione favorevolissima, ma la mira dello svedese non è perfetta e la sfera finisce a lato.

Quello che manca ai rossoneri, da un po' di tempo a questa parte, è la pericolosità in fase di costruzione: il centrocampo fatica moltissimo, con Kessié che pare l'ombra di quello dello scorso anno e i presunti uomini di qualità, Diaz e Messias, vengono contenuti con grande facilità dalla retroguardia partenopea, seppure raffazzonata. In tutto questo, l'unico che prova a combinare qualcosa è Florenzi, questa sera tornato nella sua versione migliore e autore di una bella conclusione al volo sibilata poco distante dal palo alla sinistra di Ospina a dieci minuti dal duplice fischio.

Non si registrano emozioni nella fase finale del primo tempo, ma nella ripresa si vede subito un piglio diverso nel Milan, più propositivo e subito vicino al pareggio, prima con Ibrahimovic e poi con Messias. Il Napoli attende e prova a pungere in contropiede, con Petagna che spreca tutto facendosi recuperare da Tomori una volta di fronte a Maignan. La sterilità offensiva dei rossoneri, a cui non basta la buona volontà per andare in porta, spinge Pioli a fare i primi cambi poco dopo l'ora di gioco e passare a due punte con Giroud al fianco dello svedese.

I padroni di casa ci provano con maggiore continuità, complice un Napoli che lascia maggiore spazio all'iniziativa avversaria, ma nonostante questo l'occasione più nitida per il Milan arriva da una svirgolata di Anguissa, che libera Ibrahimovic davanti a Ospina, ma lo svedese sbaglia lo stop e spreca tutto. Poco prima era stato Petagna a cercare la rete del raddoppio, ma il suo tiro era finito alto sopra la traversa. Il forcing finale premierebbe il Milan in piena zona Cesarini, ma l'arbitro decide incomprensibilmente di annullare la rete per una posizione di fuorigioco di un giocatore a terra, che nulla avrebbe potuto fare per essere considerato attivo e questo condanna i rossoneri ad un'immeritata sconfitta.

La classifica, ora, dice che la prima avversaria dell'Inter è il Napoli, seppure a pari punti proprio coi rossoneri.

FORMAZIONI UFFICIALI:

MILAN (4-2-3-1): Maignan; Florenzi (85' Kalulu), Tomori, Romagnoli, Ballo-Touré; Kessié, Tonali; Messias (78' Castillejo), Brahim Diaz (63' Giroud), Krunic (63' Saelemaekers); Ibrahimovic. All. Pioli

NAPOLI (4-3-3): Ospina, Malcuit, Rrahmani, Jesus, Di Lorenzo; Demme (54' Lobotka), Anguissa, Elmas (86' Ghoulam); Lozano (77' Politano), Zielinski (77' Loranzo), Petagna (78' Mertens). All. Spalletti

 Matteo Tencaioli

© Riproduzione riservata