LAZIO EMPOLI VERSO LA RIPRESA CON TANTI DUBBI

La Lazio prepara la ripresa del campionato tra sei giorni, ma tanti dubbi legati al Covid 19

stampa articolo Scarica pdf

La Lazio è tornata ad allenarsi a Formello: smaltite le vacanze natalizie, il gruppo si è ritrovato a Formello per la ripresa degli allenamenti. Nel mirino c’è l’Empoli, che aprirà il 2022 il 6 gennaio all’Olimpico alle ore 14,30. Tanti sono i ma che accompagnano la ripresa e non riguardano solo la Lazio, ma i numeri legati alla pandemia, le restrizioni e le scelte governative incidono e possono condizionare la ripresa del campionato.

Biglietti

Appena tre giorni fa, accolta con grande entusiasmo la decisione della Lazio di proporre per Lazio-Empoli prezzi a dir poco popolari. Ricreare l’entusiasmo riempiendo lo stadio era l’obiettivo dopo i deludenti numeri, in termini di tifosi sugli spalti nelle ultime partite casalinghe, sembrava alla portata. L’impennata di positivi, però, ha portato alla decisione del governo di ridurre la capienza degli stadi al 50% con conseguente stop alla vendita dei tagliandi per rimodulare la capienza dello stadio.

Positivi

La Lazio aveva chiuso il 2021 calcistico con le vittorie contro Genoa e Venezia senza Ciro Immobile risultato positivo al Covid 19. Ieri a Formello si è rivisto in campo: è tornato il bomber e scarpa d’oro. L’ombra del tampone, però, aleggia su Formello.

Assenti alla ripresa Mattia Zaccagni e Luis Alberto. La società non ha comunicato nulla ufficialmente, ma il dubbio positività permane. Zaccagni, come documentato dai social, ha trascorso il Natale a Dubai e potrebbe essere risultato positivo: sul rientro, non ci sono certezze, e rischia di saltare la gara dell’Epifania. Nulla si sa di Luis Alberto, che potrebbe essere fermo per motivi famigliari.

Assente anche Francesco Acerbi, ma per uno stiramento alla coscia rimediato nel corso di Venezia Lazio: tenta il recupero, ma ad oggi è più probabile vederlo in campo domenica 9 gennaio nel posticipo Inter-Lazio.

Enrica Di Carlo Foto Giannandrea Gambini

© Riproduzione riservata