A Che Serve Essere Belli Dentro Se Poi Non Ci Entra Nessuno Al Teatro Lo Spazio

A Che Serve Essere Belli Dentro Se Poi Non Ci Entra Nessuno Al Teatro Lo Spazio

A che serve essere belli dentro se poi non ci entra nessuno: tre donne si confrontano sul palco del Teatro Lo Spazio

stampa articolo Scarica pdf

Tre amiche di vecchia data si raccontano sul palco del teatro Lo Spazio nello spettacolo A che serve essere belli dentro se poi non ci entra nessuno, di Massimiliano Vado. In scena Lara Balbo, Francesca Anna Bellucci e Giulia Fiume, con unico protagonista maschile Giacomo Stallone.

La scenografia è a dir poco essenziale: tre sedie, dove le tre protagoniste si accomodano per raccontarsi. A far da linea conduttrice i loro racconti di vita, impreziositi dalla voce e dalla chitarra di Giacomo Stallone. Gli amori, le ansie, le sfortune, le paure e le speranze: una ad una passano in rassegna la loro storia, convincendosi di vivere la relazione perfetta. Lo spettatore si immedesima e capisce che tutti, ognuno nella propria realtà, ci nascondiamo dietro luoghi comuni, con l'illusione che la propria vita va bene così com’è.  La linea per tirare la somma potrebbe essere la paura di un tradimento o addirittura una gravidanza. L’importante è riuscire a togliersi la maschera che tutti noi indossiamo quando fingiamo di star bene, mentendo agli amici, al partner, ma soprattutto a noi stessi.

I dialoghi sono serrati, il ritmo è veloce e brillante, le battute divertentissime che strappano tanti applausi e risate, impossibili da trattenere. I temi sono anche delicati, ma affrontati con leggerezza e quella sottile ironia che non cade mai nella volgarità. E a pochi giorni dalla finale del Festival di Sanremo, da sottolineare la canzone conclusiva a dir poco indovinata: “Chimica”, di Donatella Rettore e Il dito nella Piaga sembra per tema e voci, composta ad hoc per lo spettacolo.

Due serate al Teatro Lo Spazio di Roma, 8-9 febbraio alle ore 21,00.

Enrica Di Carlo – Foto Emanuele Gambino

© Riproduzione riservata