MALAK MATTAR DONNE, ARTE E RESILIENZA

MALAK MATTAR DONNE, ARTE E RESILIENZA

18 - 20 febbraio 2022 Casa Internazionale delle Donne Via della Lungara, 19 Roma

stampa articolo Scarica pdf

Venerdì 18 febbraio 2022 alle 17.30 si inaugura la mostra dell’artista palestinese Malak Mattar a Roma alla Casa Internazionale delle Donne (Via della Lungara 19). Assopace Palestina, che ha come pilastro del suo agire quello di far conoscere la cultura palestinese porta per la prima volta l’artista  in Italia, organizzando mostre in diverse città italiane: Rimini, Brescia, Napoli e Roma. Partner di questa iniziativa a Roma è La casa Internazionale delle Donne, luogo d'incontro dei movimenti femministi. Nel corso della giornata di inaugurazione sarà presente anche l'ambasciatrice palestinese in Italia Abeer Odeh, previsto inoltre un dialogo tra l'artista e la storica e critica d'arte Michela Becchis.I dipinti dell’artista sono stati già apprezzati nelle più prestigiose gallerie d’arte, da New York a Parigi, passando per il Costa Rica, l’India, Inghilterra, Spagna e Turchia.Malak Mattar è una giovane artista palestinese, nata a Gaza. Ha cominciato a dipingere nel 2014 sotto i bombardamenti israeliani. Dipingendo, riusciva a superare il terrore della morte, trasformando le sue emozioni attraverso la pittura e il colore. Dal trauma alla creatività.Con la sua arte, Malak, racconta di donne, resistenza e arte. I suoi dipinti, infatti, ritraggono prevalentemente volti femminili, la stessa artista afferma in un’intervista rilasciata all’UNRWA “Cerco di dipingere uomini, ma ogni volta che lo faccio si trasformano in donne”. Un’espressività quasi primitivistica, fatto di visioni oniriche che esprimono l’oppressione del popolo palestinese sotto l’occupazione israeliana e mostra una straordinaria presenza di donne, protagoniste indiscusse di resilienza e lotta, sogni e speranza.Uno sguardo femminile , il suo, che, attraverso un’esplosione di colori omaggia le donne e combatte ogni forma di oppressione e che cattura ogni sguardo che si posa sulle sue tele.Un’esperienza di resistenza e resilienza creativa. Una voce nuova che propone sulla Palestina e la cultura palestinese uno sguardo inedito.

© Riproduzione riservata