UCRAINA, L’AQUILA ACCOGLIE LE SQUADRE DI CICLISMO IN FUGA DALLA GUERRA

UCRAINA, L’AQUILA ACCOGLIE LE SQUADRE DI CICLISMO IN FUGA DALLA GUERRA

Il sindaco Biondi: sappiamo bene cosa significhi avere un posto sicuro dove stare

stampa articolo Scarica pdf

Domani, giovedì 10 marzo, il sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi el'assessore regionale allo Sport, Guido Liris, accoglieranno all’aeroporto di Fiumicino (arrivo previsto intorno alle ore 17.45) lesquadre nazionali di ciclismo dell'Ucraina Juniores e Under 23 maschili e femminili, bloccate in Turchia al momento dell'invasione del Paese e impossibilitate a fare ritorno in patria. Si tratta di un gruppo di 24persone, tra atleti e accompagnatori, che saranno ospitati all'Aquila, in alcuni degli alloggi realizzati nel post sisma 2009. "Dopo aver manifestato nei giorni scorsi la nostra disponibilità all’accoglienza – ha dichiarato Biondi – apriamo le nostre porte con gioia a questi giovani atleti che per il momento non possono far ritorno in patria. Sappiamo bene cosa voglia dire stare lontani, forzatamente, dalla propria casa: L’Aquila è pronta a restituire la grande generosità manifestata nei suoi confronti dalla comunità nazionale e internazionale dopo il terremoto. Abbiamo già raccolto 86 quintali di beni, tra viveri e vestiario, medicine e giocattoli, per le donne e i bambini in fuga dalla guerra, che saranno in parte inviati a coloro che sono rimasti in Ucraina e in parte destinati ai quanti raggiungeranno la nostra città in cerca di sicurezza".

© Riproduzione riservata