PERCHE’ LEGGERE I CLASSICI

Al Teatro Manini di Narni Francesco Montanari e Riccardo Sinibaldi interpretano il testo di Italo Calvino con un format interattivo

stampa articolo Scarica pdf

Sabato 19 alle ore 21.00 e domenica 20 marzo alle ore 18.00, il Teatro Manini di Narni apre il sipario a Francesco Montanari, protagonista sul palco con Riccardo Sinibaldi, in “Perché Leggere i Classici” di Italo Calvino, per la regia di Davide Sacco. “Perché leggere i classici”, è un format interattivo, in cui il pubblico viene coinvolto nella riflessione attraverso divertenti momenti di intrattenimento, con l’ingresso dell’attualità (il testo originale di Calvino dialogherà con la voce di SIRI) e con la leggerezza tipica dell’opera calviniana.

Francesco Montanari, diretto da Davide Sacco, fa sue le parole e il pathos narrativo, per entrare nel ricordo di un uomo e di un'epoca ancora vivi, come i grandi classici. In scena con lui, Riccardo Sinibaldi. Un viaggio che dimostrerà che la cultura non è mai antica, perché porterà sempre con sé il suo messaggio universale e che si chiude con lo storico discorso tenuto da Umberto Eco all’Università di Bologna sull’importanza di leggere i classici.

“Un classico è un libro che non ha mai finito di dire quello che ha da dire”; queste le parole più famose dell'opera “Perché Leggere i Classici” di Italo Calvino, oggi riproposta per forza comunicativa e attualità. Con intensità, Calvino si confronta con i classici e con l'importanza sociale che essi hanno. Informazioni e Campagna Abbonamenti: c/o la Casa dello Spettatore, via Garibaldi 25 – Narni

© Riproduzione riservata