LA ROMA DI RIMONTA BATTE ANCHE LA SALERNITANA

Non c e’ Pellegrini squalificato e Mourinho schiera comunque la migliore squadra possibile ma nel finale cambia tutto e la Roma vince 2-1

stampa articolo Scarica pdf

La Roma si rituffa nel campionato e torna in campo dopo la sconfitta nel match di andata dei quarti di finale di Conference League con i norvegesi del Bodo Glimt.

Non c e’ Pellegrini squalificato e Mourinho schiera comunque la migliore squadra possibile con la novita’ dall’ inizio di El Shaarawy per provare a battere il fanalino di coda Salernitana.

Si rivede tra i convocati anche Spinazzola, che ha recuperato dalla grave rottura del tendine d’Achille in nazionale l’ estate scorsa.

L’ inizio e’ blando con i giallorossi che controllano in proiezione offensiva ma senza mai affondare ma l’ improvviso goal degli ospiti sveglia tutti dal torpore : Radovanovic, direttamente su calcio di punizione, centra il primo palo, la barriera della Roma si apre e Rui Patricio non ci arriva.

Avanti dunque la Salernitana ma la Roma non ci sta e prova subito a recuperare lo svantaggio, sostanzialmente pero’ senza vere occasioni.

La svolta sembra arrivare nel finale del primo tempo: Fallo in area su Michitaryan che ,dopo una bella discesa sulla destra , viene affossato da dietro dal difensore della Salernitana ma il direttore di gara dice no e non viene richiamato dal Var

Secondo tempo con dominio totale della squadra giallorossa ma con risultato che rimane comunque bloccato sullo 0-1

Mourinho si e’ gia’ giocato la carta Zaniolo ad inizio ripresa e al 70′ rompe completamente gli indugi facendo entrare il tris di attaccanti: Perez, Zalensky e Shomurodov.

Roma a trazione anteriore, quindi, e la mossa paga: Carles Perez dal limite dell’ area con un bel giro insacca alla destra dell’ estremo granata al minuto 81 e l’ olimpico (64 mila spettatori oggi) esplode

La sud ora si fa sentire sul serio e sono 12 i giocatori in campo per la Roma: 4 minuti dopo ,infatti, punizione del neo entrato Veretou e Smalling la mette di piatto dove tutto lo stadio voleva.

Finale con poche apprensioni e qualche contatto a rischio ma la Roma la porta a casa e continua la cavalcata vincente in campionato con il risultato utile consecutivo n. 11.


Le pagelle di Roma-Salernitana

RUI PATRICIO 6,5 Sulla punizione di Radovanovic colpa della barriera che si apre improvvisamente. Parata importante su Kastanos che poteva costare 3 punti. Prova buona per lui dopo la papera in Conference

KUMBULLA 5 Svagato: La punizione dal limite che costa lo svantaggio e’ colpa sua. Mou lo cambia negli spogliatoi per dare peso offensivo (1’st Zaniolo 6: Si sente la sua presenza li’ davanti con 2 buoni tiri deviati in angolo. Nel finale si mangia il terzo goal e il voto finale inevitabilmente ne risente)

SMALLING 7,5 L’ Olimpico esulta ed il merito e’ tutto suo: Di testa e’ il re sia in difesa che davanti alla porta. Non sbaglia nulla ,a tratti persino elegante nonostante lo svantaggio per 80 minuti . Grande prova per l’ inglese che insacca il goal che vale la vittoria

IBANEZ 6 Poche sbavature . Attento oggi.

KARSDORP 6 Mette una palla d’ oro sulla destra per Afena nel secondo tempo che deve essere solo buttata dentro , ma il giovane di testa la mette larga. Nel primo tempo un paio di discese importanti . Meno bene di altre volte ma c e’.

CRISTANTE 5,5 Appare stanco e un po’ disordinato. Aiuta nei recuperi sulle seconde palle ma non verticalizza quasi mai . Esce sullo 0-1 e forse non e’ un caso. (75’ Veretout 6,5: porta freschezza al centro del campo. La punizione del goal partita parte da lui . Rivediamolo nei 90 minuti ma per oggi sui 15 e’ piu’ che sufficiente.

OLIVEIRA 6 Due buone verticalizzazioni e qualche buon recupero. Pochino. (68’ Shomurodov 5,5: La voglia c’ e’ e si vede ma fa’ comunque poco anche lui)

EL SHAARAWY 5 Prestazione anonima . Primo tempo da “chi l ha visto ?”, secondo da “vorrei ma non ce la faccio” . Male . (67’ Zalewski 7 In 25 minuti fa piu’ del faraone e sulla fascia e’ una spina nel fianco di una stanca Salernitana. Ancora protagonista)

FELIX 5,5 L’ impegno c e’ : Quasi strappa un rigore dopo una sgasata delle sue sulla sinistra nel finale di tempo, ma per il resto poca incisivita’. Si mangia un goal clamoroso di testa su cross perfetto di Karsdorp (67’ Perez Un gran goal sulla sua tavoletta . Tanti recuperi e buona intensita’ . Mou lo proviamo piu’ a lungo ?)

MKHITARYAN 6 Sottotono oggi: Inizia bene con due pericoli verso la porta di Sepe, poi si spegne lentamente . La sufficienza

ABRAHAM 6 E’ stanco e l’ infortunio alla spalla di Genova lo ha un po’ condizionato. Si divora un gol e appare confuso .Nel finale ha il merito di deviare la palla per il goal partita di Smalling

MOURINHO 6,5 La Roma e’ quella solita (Pellegrini e’ squalificato) . Nel secondo tempo fa i cambi giusti e riprende una partita che sembrava stregata . 11 risultati utili consecutivi. Quinto posto in solitaria . Cosa puo’ fare di piu’ con questa rosa ?

Di Cristian Coppotelli

© Riproduzione riservata