Blitz A Scalea: Operazione Anti ‘Ndrangheta

Blitz A Scalea: Operazione Anti ‘Ndrangheta

L’aggravante contestato è l’uso del metodo mafioso, infatti, il clan si avvaleva ''della forza intimidatrice derivante dal vincolo associativo’’

stampa articolo Scarica pdf

Scalea è scattato il blitz anti ‘ndrangheta. I carabinieri hanno condotto all’ arresto tre persone. I reati contestati sono: Usura in concorso, estorsione, ed esercizio abusivo dell'attività finanziaria, con l’aggravante del metodo mafioso, a vario titolo. Le forze armate hanno dato esecuzione l'ordinanza, emessa dal gip presso il Tribunale di Catanzaro, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti delle tre unità che appartengono allo stesso nucleo familiare. Ricostruendo la dinamica, l’indagine è stata avviata da un gestore di un lido balneare presso la cittadina di Scalea. Quest’ultimo, nel settembre 2021 , aveva denunciato agli inquirenti di essere vittima del Clan.

Dichiarando che tutto era scaturito da un prestito usuraio che aveva ricevuto con degli interessi vertiginosi. Gli investigatori si sono subito attivati, attraverso un'attività tecnica.

Dopo un’attenta e dettagliata procedura investigativa i carabinieri della Compagnia di Scalea, sono risaliti anche a una presunta estorsione subita da un altro imprenditore. Anche se gli indagati si dichiarano innocenti.

L’aggravante contestato è l’uso del metodo mafioso, infatti, il clan si avvaleva ''della forza intimidatrice derivante dal vincolo associativo’’. Il trio pare che fosse legato alla cosca di' ndrangheta locale dell’alto Tirreno cosentino. Per il momento sono scattate le manette per i due degli indagati, mentre il terzo si trova ai domiciliari per ordine del gip distrettuale che ha accolto le richieste condivise dal procuratore Nicola Gratteri e Vincenzo Copomolla.A sua volta è stato disposto su richiesta Dda  il sequestro preventivo di beni per un totale di circa 250 mila euro, a cui si aggiunge un magazzino di cento metri quadrati. Il procedimento per le ipotesi di reato è tuttora incorso.

Mimma Gaziano

© Riproduzione riservata