LAZIO MILAN LAZIALI VS LOTITO E L'OLIMPICO SARA' ROSSONERO

Botta e risposta tra i tifosi della Lazio e il Presidente Lotito: il prezzo dei biglietti al centro del dibattito e contro il Milan l'Olimpico sarà rossonero

stampa articolo Scarica pdf

"Lazio, tu non sarai mai sola", forse verrebbe da dire. L'inno che accompagna la Lazio, quello che intonano i tifosi allo stadio, ha un sapore malinconico oggi. Sembra essere ripiombati nel 2014, quando la protesta Libera la Lazio contro il Presidente Claudio Lotito aveva svuotato lo stadio. Le coppe, Inzaghi, una rincorsa magica nel 2020 interrotta dal Covid aveva riempito nuovamente l'Olimpico biancoceleste. Poi lo stop, le lente riaperture, l'ascesa dei prezzi hanno fatto il resto e i tifosi laziali non sembrano più quelli di prima. Lazio-Juve è stata la partita con il maggior numero di tifosi presenti allo stadio. Lazio-Porto e Lazio-Napoli facevano ben sperare.  A nulla sono valsi i biglietti a 10 euro in Lazio-Venezia o Lazio-Torino: i numeri non sono più quelli di prima. La sconfitta nel derby ha interrotto qualcosa: per molti è come se la stagione della Lazio fosse finita lì. Eppure l'Europa League è ancora un obiettivo possibile. Eppure c'è un Lazio-Milan da onorare. E invece proprio Lazio-Milan diventa la miccia che fa esplodere i rapporti Lazio-Laziali, come se non fossero più un'unica cosa.

E' una delle ultime tre partite casalinghe per i biancocelesti: da una parte la lotta per un posto in Europa, dall'altra uno scudetto in palio. Un big match, che richiede cifre all'altezza ed è per questo che il costo dei biglietti schizza. 40euro curva e distinti, per poi salire nelle Tribune. In linea con le partite di cartello: da un punto di vista economico e societario non fa una piega. Il cuore, però, dice altro. In una stagione senza possibilità di abbonamenti, ci si aspettava altro. E allora la decisione della Curva, degli Ultras Lazio, è presto fatta: stadio vuoto, sostegno alla squadra, alla Lazio, ai colori, senza entrare. Una scelta raccolta anche da altri settori e la conseguenza più triste che possa esserci: Lazio-Milan sarà solo sulla carta in casa, perchè i tifosi rossoneri saranno allo stadio e saranno tanti, tanti da far aprire anche un altro settore per riceverli tutti.

La risposta del Presidente Claudio Lotito non si è fatta attendere e in un'intervista rilasciata al quotidiano Il Messaggero mette benzina sul fuoco: "Ognuno faccia ciò che si sente, se ha la coscienza a posto. A me tutto questo baccano sembra solo un pretesto da parte di chi non sarebbe comunque venuto allo stadio o di chi finora è venuto soltanto per fare cori contro il sottoscritto". Il caro biglietti, però, è un fatto. "Era previsto da inizio anno. Succede da sempre per 4 gare di cartello in tutta la stagione. Per il resto siamo la terzultima società d'Italia per i costi da botteghino. Ho fatto tante volte dei passi indietro, ma pago 300mila euro a partita. Gli introiti da botteghino finiscono direttamente in un conto dedicato all'Agenzia delle Entrate, non sono della Lazio. Se metto i biglietti più bassi, mi chiama lo Stato per chiedermi spiegazioni. E poi rimetto soldi di tasca mia come è già successo".

Non c'è via d'uscita, la verità non è nel mezzo, sono due verità e quello che da sempre è il bene supremo dei laziali, la Lazio, questa volta fa i conti con la realtà. Lazio, tu non sarai mai sola. E invece si, purtroppo.

Enrica Di Carlo Foto Giannandrea Gambini

© Riproduzione riservata