5 Motivi Per Cui La Roma Con Dybala Punta Allo Scudetto

La Roma si coccola l’acquisto dell’estate

stampa articolo Scarica pdf


La Roma si coccola l’acquisto dell’estate: il passaggio di Dybala a parametro zero dalla Juventus alla corte di Mourinho è stato uno dei colpi migliori del calciomercato italiano.

Questo inizio di campionato non può dirci ancora moltissimo né sui giallorossi né sulle altre contendenti allo scudetto, lo stato di forma di troppi giocatori non è al meglio e chi ha cambiato tanto nella rosa deve necessariamente trovare la miglior quadra per la formazione. Ma basta un’occhiata alle quote vincente Serie A per capire che la Roma è finalmente rientrata tra le favorite e le aspettative dentro e fuori l’ambiente sono alte, vediamo il perché.

Un ottimo mercato. Come abbiamo detto, Dybala ha portato un’altissima dose di qualità, ma l’argentino non è l’unico innesto di peso per il tecnico portoghese, che può contare anche sugli ottimi Wijnaldum e Matic a centrocampo e su possibili altri inserimenti prima della fine di agosto.

Una rosa affidabile. La squadra non è stata stravolta, anche se si ritrova un po’ sfrondata dagli elementi meno utili al gioco dell’allenatore. Gli acquisti si sono inseriti in una formazione comunque già impostata dal primo anno di lavoro con Mourinho, quest’anno sarà molto più semplice esaudire i suoi desideri.

Un allenatore mai sazio. Nonostante il sesto posto nell’ultima stagione di campionato, la Roma è riuscita a portarsi a casa un trofeo e perdipiù internazionale, la nuovissima Conference League. Mourinho è diventato così il primo allenatore a vincere tutti e tre i tornei Uefa in corso e si può star certi che quest’anno, con una squadra sulla carta decisamente più forte, non ha intenzione di restare a bocca asciutta

I tifosi. Entusiasmati da Dybala e innamorati di Mourinho, la passionalità dei tifosi giallorossi, da sempre l’uomo in più della Roma, è una spinta fortissima per tutto l’ambiente. Giocare in casa dei capitolini è un’esperienza sempre difficile per chiunque e abbiamo già visto che con lo Special One questa caratteristica si esalta.

La fame. Sono passati 21 anni da quel maggio del 2001 che ha consegnato l’ultimo scudetto dei tre in palmares all’allora patron Sensi. Questo può essere l’anno giusto in cui tornare in cima al campionato italiano: l’Inter e il Milan avranno certamente un occhio di riguardo per la Champions, Napoli e Juventus non sembrano in grado di competere su più fronti.

È presto, i muscoli si sono appena scaldati e nell’ambiente si mantengono i toni molto bassi, dichiarando come primo obiettivo il ritorno in Champions nella prossima stagione (l’ultima disputata è stata nel 2018/19). Chissà, forse il purgatorio della Lupa è finito.

Marco Dal Puppo

Foto di Giuseppe Pino Fama 

© Riproduzione riservata