Salisburgo 1 - 1 Milan 06.09.2022

Prova di maturità parzialmente rimandata per i rossoneri

stampa articolo Scarica pdf

Torna la Champions League per il Milan, che sulle ali dell'entusiasmo per la vittoria nel derby di campionato e forte della sconfitta, a sorpresa, del Chelsea a Zagabria, si presenta a Salisburgo con la voglia di portare a casa un risultato positivo.

Pioli sceglie di cambiare poco rispetto alla formazione di sabato scorso e conferma dieci uomini su undici, con il solo Messias che viene mandato in panchina per fare spazio a Saelemaekers. Jassle opta invece per la coppia Okafor - Fernando in attacco, con Kameri in rifinitura e Seiwald in cabina di regia.

Partenza aggressiva del Salisburgo, che trascinato dal proprio pubblico va alla conclusione due volte in altrettanti minuti dall'interno dell'area di rigore milanista, ma senza impensierire Maignan. I rossoneri, nelle prime fasi, provano ad affidarsi alle ripartenze per sfruttare gli spazi lasciati dagli austriaci e Giroud spreca una buona occasione all'ottavo minuto quando, in posizione defilata, conquista il pallone e affretta la conclusione, invece di servire Leao libero al centro.

Dopo quasi mezz'ora di sostanziale monologo austriaco, la squadra di casa passa con Okafor, bravo a liberarsi di Kalulu e trafiggere Maignan sotto le gambe dopo avere ricevuto palla da Fernando, che aveva approfittato di un errore in uscita di Bennacer. La reazione rossonera è immediata, ma il pareggio arriva soltanto a cinque minuti dalla fine della prima frazione, quando CDK fa una magia per innescare Bennacer, che serve Leao e quest'ultimo crea superiorità numerica in area, lasciando libero un varco in cui trova Saelemaekers che trova la rete dalla brevissima distanza.

Quando il tempo sta per scadere, Jaissle è costretto a sostituire l'infortunato Solet con Bernardo e in pieno recupero Leao spreca, per egoismo, una buona situazione al limite dell'area. Le squadre vanno quindi negli spogliatoi sul risultato di uno a uno.

La ripresa, nonostante la grossa occasione sciupata quasi subito da Fernando, si gioca a velocità decisamente inferiore rispetto al primo tempo, anche a causa dei molti cambi e di un gioco molto spezzettato dagli interventi fallosi di entrambe le squadre. Il match si ravviva soltanto nei dieci minuti finali, quando il Salisburgo va vicino al colpo del KO con Sesko, che conquista bene palla su errore di Theo Hernandez ma non trova la porta e in pieno recupero, quando un tiro di Leao deviato da Bernardo sbatte sul palo.

Sarebbe stata una beffa per il Salisburgo, che per quanto mostrato nei novanta minuti non avrebbe demeritato nemmeno una vittoria e si deve invece accontentare di un pareggio che fa comodo soprattutto ai rossoneri, che partono conquistando un punto molto importante lontano dalle mura di casa.

FORMAZIONI UFFICIALI:

RB Salisburgo (4-1-3-2): Koch; Dedic, Solet (42' Bernardo), Wober, Ulmer; Seiwald; Capaldo, Kameri (65' Gourna Douath), Kjaergaard; Fernando (64' Sesko), Okafor (93' Adamu). All. Jaissle

Milan (4-2-3-1): Maignan; Calabria (57' Dest), Kalulu, Tomori, Hernandez; Bennacer (57' Pobega), Tonali; Saelemaekers (80' Messias), De Ketelaere, Leao; Giroud (57' Origi). All. Pioli

 Matteo Tencaioli

© Riproduzione riservata