Roma HLK Helsinki Europa League 2022 2023

Roma HLK Helsinki Europa League 2022 2023

In una tiepida serata di fine estate, indossando un'improbabile casacca nero/fuxia, la Roma si butta a capofitto nella seconda giornata di Europa League

stampa articolo Scarica pdf

Li abbiamo letteralmente presi a pallonate in faccia.

In una tiepida serata di fine estate, indossando un'improbabile casacca nero/fuxia, la Roma si butta a capofitto nella seconda giornata di Europa League.

Mourinho non disattende le promesse fatte in conferenza stampa schierando Zaniolo sulla trequarti al fianco di Pellegrini e Spinazzola appena dietro all'unica punta Belotti.

In difesa fuori Smalling e spazio per Vina, in una linea a quattro con Karsdorp, Mancini ed Ibanez; centrali Matic e Zaniolo.

Koskela adotta un 3-4-3 compatto, a chiudere le verticalizzazioni per ripartire in contropiede. Ed in parte ci riesce; gli uomini di Mou entrano frizzanti in campo, buone le ripartenze e ininfluenti i tentativi degli avversari di sfondare la difesa giallorossa, ma il pressing dei padroni di casa non sembra efficace tanto che, nonostante l'espulsione di Tenho al 15' per un fallo da ultimo uomo su Belotti, il gioco si appiattisce un po' anche se la voglia del “Gallo” di segnare sia palpabile. Buono il suo primo tempo, ma un po' tutto il giropalla giallorosso che ruota in mezzo ai piedi dei protagonisti dalla trequarti in su. Zaniolo riporta consistenza, Spinazzola regala giocate affinate in concerto con Pellegrini; nel complesso una squadra che si muove bene sebbene l'avversario abbia rallentato i giri. Il primo tempo si chiude sullo 0-0, ma i presupposti sembrano buoni.


Se qualche anno fa mi avessero detto che in un futuro prossimo, in un mondo parallelo, avrei potuto ammirare Dybala e Mourinho militare nella Roma avrei pensato ad una dose massiccia di allucinogeni.

Eppure eccolo, entra nel secondo tempo seguendo le indicazioni di Mourinho ed alla prima palla sfiorata, servita con un cross dalla sinistra di Pellegrini ad incrociare, scocca dalla distanza un tiro che passa in mezzo a 6 avversari e spiazza Hazard siglando un 1-0 pesantissimo, neanche il tempo di rifiatare ed il contropiede, portato gambe in spalla dal ritrovato Zaniolo fino quasi sul fondo, si trasforma in un cross a rientrare al centro dell'area che trova il “tronco” di Pellegrini a fare da sponda per il raddoppio giallorosso. 2-0.

La Joya entra insieme a Smalling per Ibanez e Vina, e la Roma cambia totalmete, si fa più cattiva e determinata, sfrutta gli spazi, pressa e si infila tra le linee. I finlandesi si chiudono totalmente in difesa ma questo non impedisce ai giallorossi di fare la partita inquadrando spesso lo specchio della porta: Dybala, Belotti, Spinazzola,Pellegrini, Camara e sul finire anche Matic e Abraham. Nel contare le occasioni, non possono però passare inosservate le due punizioni di Pellegrini che i finlandesi hanno coraggiosamente respinto di “faccia”, riportando danni nel breve termine...

Gira bene, una Roma bella e piena di vita, minimo il lavoro per Cristante e Matic che stavolta filtrano egregiamente le giocate, qualche strappo per Mancini e Smalling a controllare le velleità dei finlandesi e un Karsdorp che piano, piano sembra riprendere i colori dei giorni migliori.

Ancora Zaniolo, che rimarca l'importanza della sua presenza in campo; ancora una giocata sottoporta, assist per Belotti che non deve far altro che spingere la palla in porta: un 3-0 tondo che riporta la Roma in corsa per il primo posto nel girone.

Esce Zaniolo nel tripudio di un Olimpico sold out, per Abraham, che prova anche lui ad aggiungere perfezione ad un partita di per sé impeccabile. C'è posto anche per Camara.

Ragazzi che giocatore, ha regalato due perle ed una classe nel gestire il gioco che tornerà utilissima alla Roma, uno degli acquisti mirati più azzeccati degli ultimi anni.

Uno, perché, ad onor del vero, è forse Dybala quello che sta trasformando il carattere della Roma.

Termina 3-0.

Domenica l'Atalanta, ancora sold out all'Olimpico, ancora una marea giallorossa, impressionante e pericolosa per qualsiasi avversario.


Laura Tarani

fonte immagine AS Roma 

© Riproduzione riservata