I Top E I Flop Di Sassuolo-Lazio 0-2 Diciottesima Giornata Serie A 2022-’23

I Top E I Flop Di Sassuolo-Lazio 0-2 Diciottesima Giornata Serie A 2022-’23

Tra i biancocelesti non si registra alcuna insufficienza, mentre sono molto positive le prove di Milinkovic-Savic, Luis Alberto e Zaccagni

stampa articolo Scarica pdf

La Lazio si impone per 2-0 al “Mapei Stadium-Città del Tricolore” di Reggio nell’Emilia grazie a un calcio di rigore trasformato da Zaccagni al 48’ del primo tempo e a una prodezza di Felipe Anderson al 94’, portandosi a quota trentaquattro punti in graduatoria, a tre sole lunghezze dalla “zona Champions League”. Dopo le rimonte patite con Lecce (sconfitta esterna per 1-2) ed Empoli (2-2 casalingo dopo essere stati avanti per 2-0), stavolta i capitolini sono riusciti a difendere con successo il vantaggio, addirittura raddoppiando nel finale. Tra i biancocelesti non si registra alcuna insufficienza, mentre sono molto positive le prove di Milinkovic-Savic, Luis Alberto e Zaccagni. Non essendoci flop, andiamo ad analizzare i soli top.

--->I TOP

SERGEJ MILINKOVIC-SAVIC 7 Prova gagliarda: sempre preciso quando c’è da creare gioco, alla bisogna non si crea problemi a rientrare in fase di copertura. Partecipa a entrambe le reti, in quanto guadagna il calcio di rigore dell’1-0 con un colpo di testa che incoccia sul braccio di Toljan e lancia Anderson verso il raddoppio prolungando di testa un lancio di Provedel. Protagonista anche al 60’, con un ottimo suggerimento che Felipe Anderson spreca sparacchiando malamente in curva.

LUIS ALBERTO 7 Dominatore del centrocampo, sia fisicamente sia tecnicamente. Sagace nel badare al sodo, senza rischiare eccessivamente. Praticamente perfetto anche in fase di non possesso. Bravo, inoltre, nel richiamare alla calma i suoi compagni: ciò accade, per esempio, in occasione del fallo di mano di Toljan, che vede parecchi biancazzurri andare a chiedere (giustamente) il rigore rischiando inutili ed evitabili cartellini.

MATTIA ZACCAGNI 7 Pericoloso già al 6’ con un destro che costringe Pegolo a un intervento affatto semplice. Glaciale nel trasformare, all’ultimo secondo di recupero della prima frazione, il tiro dagli undici metri che sblocca il risultato. Gara di grande impegno, anche in fase difensiva.

Giuseppe Livraghi

Fonte della fotografia: Gianandrea Gambini.

© Riproduzione riservata