La Profezia O Avvertimento Di Boiardo

Circa due mesi fa, il pentito Salvatore Boiardo in tv su La7 ipotizzava un presunto arresto del famoso latitante Matteo Messina Denaro.

stampa articolo Scarica pdf


Circa due mesi fa, il pentito Salvatore Boiardo in tv su La7 ipotizzava un presunto arresto del famoso latitante Matteo Messina Denaro. Per molti era impensabile che il latitante più famoso d’Italia si facesse catturare. Il boss dai mille volti, con varie identità e appellativi che molti gli attribuivano, per alcuni era ‘’ u siccu’’, ‘’ u signurinu’’, ‘’ diabolik’’. Dopo trent'anni di latitanza è stato arrestato mentre era in day hospital alla clinica Maddalena di Palermo «per sottoporsi a delle terapie cliniche». Secondo le diverse fonti, Matteo Messina Denaro sarebbe gravemente malato di tumore al colon.

Ripercorriamo l’intervista di Salvatore Boiardo:

“Magari chi lo sa che avremo un regalino, che magari presumiamo che un Matteo Messina Denaro sia molto malato, che faccia una trattativa lui stesso di consegnarsi e faccia un arresto clamoroso e così arrestando lui esce qualcuno che ha l’ergastolo ostativo senza che ci sia clamore”.. Domanda che molti si sono posti ‘’ Coincidenza o profezia?’’.

Il Boss Messina Denaro, conduce una vita come una persona normale. Si recava in ospedale per svolgere le cure. Interagiva in maniera amichevole con le pazienti. Si mostra come una persona mite e gentile. Mentre, nell’immaginario collettivo si pensava un Messina Denaro all’estero. Pronto a mettere le mani in qualche affare e a gestire qualche traffico illecito. Invece, si trovava nella sua Sicilia. Girava indisturbato.

Nel mentre alcune fonti affermano che non c'è stata nessuna trattativa tra Stato- Mafia. Pero’ Boiardo ci aveva visto lungo. Sempre nella stessa trasmissione di La7 Non è l'Arena, afferma: Per il governo, "sarebbe un fiore all’occhiello". E a Giletti, che gli chiedeva se dunque la trattativa Stato-mafia non fosse mai finita, "si", rispondeva laconico, ipotizzando un legame con l’ergastolo ostativo. "Se non si avvererà quel che ho detto - aveva concluso Baiardo - ci rivedremo e lei mi dirà che ho raccontato una fesseria. Vedremo…".

Altra coincidenza fondamentale è: “Quando lo Stato deciderà di volerlo prendere lo prenderà. () Presumo che sia una resa sua (…) tutti cambiamo in 30 anni. () Posso dire che è una brava persona () io posso giudicare il comportamento che hanno avuto nei miei confronti, sono degne persone”. Oggi le parole di Boiardo si avverano. Sarà un caso?

Lo sapremo solo vivendo!

Mimma Gaziano


© Riproduzione riservata