Come Ciò A Cui Tutto Tende A Fortezza Est

Come Ciò A Cui Tutto Tende A Fortezza Est

Un progetto di ricerca teatrale di Valentina Beotti e Federica Principi

stampa articolo Scarica pdf

Debutta in prima assoluta a Fortezza Est dal 16 al 18 febbraio 2023 “Come ciò a cui tutto tende” un progetto di ricerca teatrale di Valentina Beotti e Federica Principi sul comportamento pratico dell’essere umano di fronte ai concetti di bene e male.

Il progetto prende spunto dagli effetti del surriscaldamento climatico per interrogarsi sull'impatto delle scelte individuali all’interno del sistema complesso di cui facciamo parte. Il racconto inizia da un evento accaduto nel 2020, quando 378 balene grigie del Pacifico settentrionale si arenano senza vita sulle coste tra Messico, California e Alaska. La quasi totalità degli animali è morta di fame.

Un evento analogo si era già verificato vent'anni prima ma questa volta il numero dei cetacei coinvolti risulta più che raddoppiato.

La balena comunica attraverso un linguaggio estremamente sofisticato la cui codifica ad oggi risulta quasi del tutto sconosciuta all’uomo. Quello che è noto all’uomo è la sua predisposizione ad un comportamento sociale inclusivo, la capacità di manifestare sentimenti e la predisposizione ad empatizzare anche con individui non appartenenti alla sua specie.

Le balene occupano il primo gradino della catena alimentare. In quanto grandi migratori sono considerate “sentinelle" per lo stato di salute dell’intero ecosistema e ricoprono un ruolo fondamentale per la conservazione del pianeta. 

L’unico pericolo alla loro sopravvivenza è rappresentato dall’uomo, ma dalla sopravvivenza delle balene dipende la sopravvivenza dell’uomo e da qui nasce la domanda a cui abbiamo cercato di dare corpo in scena: Quello che riguarda te riguarda anche me? E se è vero il principio etico aristotelico, Per chi è il bene a cui stiamo tendendo?

In un gioco di rimandi dove i confini del racconto confondono l'identità di specie, in scena una coscienza ibrida, donna/balena, racconta la sua fine e forse anche la nostra. 

© Riproduzione riservata