I Am Al Teatro Di Documenti Di Roma

I Am Al Teatro Di Documenti Di Roma

Testo e regia di Anna Ceravolo

stampa articolo Scarica pdf

I am è uno spettacolo dedicato alle persone transgender.

I am attraversa una panoramica storica, narra il ruolo giocato da psicologia e psicanalisi, le leggi, il processo di transizione, aspetti della vita quotidiana tra ostacoli e sorprese.

La persona transgender spesso ha alle spalle un vissuto doloroso causato dalla divergenza tra genere e identità. Il percorso per diventare la persona che desidera richiede molti anni, è irto di difficoltà, si scontra con ostacoli giuridici e iter medici complessi. Non di rado sopporta il carico di pregiudizio e diffidenza la cui matrice risiede nell'ignoranza, e nei casi peggiori è vittima di atteggiamenti di dichiarata transfobia.

Nella serietà dei temi abbiamo però voluto dei toni lievi. In scena ecco due narratori, assurdi e strampalati, le apparizioni di una figura misteriosa che si porge con linguaggio poetico, un araldo che è una citazione dei mimi che voleva con lui Marcel Marceau, di cui quest'anno ricorre il centenario della nascita proprio come per Luciano Damiani, creatore del Teatro di Documenti, permettendoci così di ricordare insieme due grandissimi artisti.

I am muove dal desiderio di abbattere i confini tra le persone, e si rivolge a tutti, anche ai più giovani, in realtà i meno prevenuti, per capire, normalizzare, sdrammatizzare, e soprattutto risvegliare un sentimento di empatia, quella che serve per comprendere il mondo e per cambiarlo.

I AM testo e regia di Anna Ceravolo con Tony Scarfì, Gaetano Lizzio, Cristina Maccà, Donatella Mei allestimento, scene e costumi di Carla Ceravolo luci di Paolo Orlandelli

Prod. Teatro di Documenti

© Riproduzione riservata