Gran Galà Il Singolo Del Rapper Bede

Gran Galà Il Singolo Del Rapper Bede

Il giovane e brillante rapper reggino d’adozione capitolina torna a raccontarsi

stampa articolo Scarica pdf

A distanza di 6 anni dal primo singolo e reduce dal successo di brani come “Riscatto”, “Vista Mare” e del debut EP “Origine”, il giovane e brillante rapper reggino d’adozione capitolina Bede, torna a raccontarsi in “Gran Galà”, una vera e propria dedica di barre e liriche al più grande e intenso amore della sua vita, la musica.

In un’originale e impeccabile trasposizione di un vissuto arduo e complesso, segnato da eventi, ferite e vicissitudini traumatiche su un beat travolgente e super catchy, Bede metaforizza con eleganza e delicatezza il suo rapporto con la musica equiparandolo ad una relazione di coppia che all’improvviso perde la sua accezione benefica, diventando, giorno dopo giorno, tossica e distruttiva.

Irrequietezza, instabilità, ansia e disillusione, si alternano ad un profondissimo e sincero amore unilaterale che il protagonista della narrazione continua a nutrire verso la propria amata, una partner venerata, idolatrata e a tratti idealizzata, nei confronti della quale, però, riserva anche un pizzico di rancore, in quanto è stata in grado di rapirlo, sedurlo ed ammaliarlo sin dal primo istante, seducendolo e facendolo perdutamente innamorare, per poi lasciarlo inerme, in balìa di se stesso e di una serie di correnti impervie e tumultuose.

Un amore irruento e viscerale che non cessa di esistere e alimentarsi, perché nonostante tutto, nei momenti di assoluta necessità, la musica si è sempre fatta trovare pronta, con una mano tesa volta ad accudire, lenire e ricucire le ferite di un cuore che ha rischiato di interrompere il suo battito per sempre - «non mi hai lasciato manco sul letto dell'ospedale» -.

Una storia, quella di Bede, che nell’assoluta sensibilità della sua penna, rimane celata per lasciar spazio alle storie di ciascun ascoltatore, infrangendo con le onde della sola empatia, l’influenza ed il condizionamento di una narrazione-guida volta a raccontare un percorso già delineato, dando così modo di far fluire e parlare solo ed esclusivamente l’altalenante successione di sentimenti contrastanti che avvolgono e permeano l’intero pezzo.

La produzione malinconica e impetuosa al contempo, curata dal tocco ineccepibile di Thephra, segue perfettamente il flusso di coscienza riversato nel testo, avvalorando con il suono quel nido di silenzio interiore capace di comunicare ben più e ben oltre le parole.

Nel susseguirsi di versi e strofe, l’artista racconta il suo periodo riabilitativo post-trauma, evidenziando quanto, la musica, sia stato il suo unico appiglio ed il solo stimolo che gli ha consentito di trovare la forza di rialzarsi e ricominciare a vivere, esortandolo a dare il meglio di sé ogni giorno - «mi hai insegnato a guardare in alto sempre più in alto» -. Un viaggio arduo e difficoltoso, che l’ha costretto a ripetuti face to face con i propri limiti e le proprie fragilità, conducendolo spesso ad una dolorosa, ma senza dubbio catartica, autoanalisi - «a letto noi ci graffiavamo fino a fare uscire il sangue» -.

«L'idea del brano – dichiara Bede - è nata in studio da Thephra, in Trentino. In una settimana, partendo da zero, abbiamo creato questa traccia con l'idea di donare una certa profondità ed importanza al testo. Volevamo chiudere un pezzo che toccasse l'anima della gente e che arrivasse dritto al cuore dell'ascoltatore. Per dare un tono particolare, la scelta di non dedicare il tutto ad una donna, ma di parlare di un tipo di amore che va al di là delle persone e che, in un certo senso, per quanto possa regalarci molto ed essere totalizzante, rimane sempre e solo a senso unico, quello per la musica».

Ed è sull’unilateralità di passioni e sentimenti che l’artista ci invita a riflettere, ricordandoci che la centralità dell’esistenza è amare, indipendentemente dal concetto di reciprocità che, ancora troppo spesso, ci impedisce di vivere pienamente e di inseguire emozioni, sogni e sentimenti per il solo, meraviglioso, dono di poterlo fare.

“Gran Galà” è accompagnato dal videoclip ufficiale, girato a Roma sotto la direzione di Valerio e Alessio Vasselli con la partecipazione di Silvia Proietti.

«Ritengo fondamentale credere nei propri sentimenti,

senza badare al fatto che essi siano reciproci o meno. La bellezza dell'amore sta proprio nella capacità di poter amare; vince sempre e solo il sentimento».

Bede.

© Riproduzione riservata