Vincenzo Giubba Alfonso Marra

Vincenzo Giubba Alfonso Marra

Il Presidente dell'Accademia Italiana Arte Moda Design e l'Amministratore Delegato della Klopman ci parlano dell'evento calendario "Industrial Couture"

stampa articolo Scarica pdf

La presentazione del calendario Klopman 2016 “Industrial Couture” ci ha dato la possibilità di effettuare una doppia intervista con  due uomini di successo come Vincenzo Giubba, presidente dell'Accademia Italiana e Alfonso Marra, presidente e amministratore delegato della Klopman, artefici di questa bella iniziativa che vuole mettere in evidenza il grande lavoro delle giovani leve dell’Istituto.

Il primo, architetto di professione, ha il merito di avere creato l’Accademia Italiana portandola ad essere un punto di riferimento per la formazione sul Made in Italy sia per l’attività di studio che per la ricerca nel campo della moda e del design. Non a caso ogni anno all’Accademia orbitano circa mille studenti che arrivano da ogni parte del mondo.

Il secondo, invece, ha portato un’azienda leader europeo da 46 anni nei tessuti tecnici Protectivewear, Corporatewear e Workwear a livelli sempre più alti avviando un piano di espansione in ambito mondiale.

Dottor Giubba, come nasce l’idea del calendario in collaborazione con la Klopman…

Ogni anno la nostra università, abilitata alla doppia laurea, internazionale e italiana, propone ai suoi studenti esperienze che possano metterli a confronto col mercato reale. Pertanto il progetto del calendario “Industrial Couture”, studiato su misura per una grande multinazionale come la Klopman International, è sicuramente un risultato molto formativo e appassionante. Per noi è  importante essere consapevoli che la creatività si applica in precisi contesti di mercato. Noi vogliamo preparare operatori in grado di tradurre un progetto in un oggetto vendibile. 

Quali sono le qualità che un giovane deve avere per frequentare l’Accademia…

Per me non si nasce con il talento ma lo si può conquistare attraverso l’apprendimento fatto con una grande motivazione. Per cui i giovani che vogliono frequentare questo tipo di scuola devono farlo prima di tutto con passione sicuri che se ce la mettono tutta possono raggiungere il risultato desiderato e acquistare una’ottima professionalità che li porterà a svolgere la propria arte in tutto il mondo.  

L’accademia esaurisce la sua attività nell’insegnamento oppure facilita anche l’inserimento nel mondo del lavoro …

Noi miriamo a creare molti trampolini di lancio proprio come la realizzazione di questo nuovo calendario. La scuola non può essere fine a se stessa ma deve essere collegata alla realtà produttiva. 

Dottor Marra cosa spinge la sua Azienda ad interessarsi del mondo della Moda…

Noi siamo una multinazionale che anche se effettua la vendita dei suoi prodotti in tutto il mondo, rimane fondamentalmente italiana soprattutto per quanto riguarda la qualità della produzione. Appare giusto quindi entrare a fare parte di un mondo che rappresenta l’eccellenza italiana e poi vogliamo dimostrare che i nostri tessuti anche se fatti per abiti da lavoro, sono talmente confortevoli che possono adeguarsi anche per realizzare modelli addirittura da gran sera. E questo risultato è stato pienamente raggiunto dai ragazzi dell’Accademia che hanno realizzato totalmente il calendario sia come stilisti che come fotografi e designer.  

Secondo lei c’è bisogno di un maggiore aiuto da parte delle istituzioni per fare avanzare il mondo della moda…

Direi che la moda è un sistema fra i meglio supportati dallo Stato italiano per cui non piangiamoci addosso e andiamo avanti con tutta la nostra forza e creatività. 

Un uomo di successo come lei che consiglio può  dare alle giovani leve che studiano all’Accademia…

Quello di puntare al massimo sempre. Infatti nella vita non bisogna mai accontentarsi tirando diritto verso la propria meta. E’ quello che ho detto anche a mia figlia che frequenta proprio questa scuola.  

Questo è già il secondo calendario che la sua Azienda affida ai ragazzi dell’Accademia, ci sarà anche il terzo?

Assolutamente si. Abbiamo già un’idea per la sua realizzazione e sarà ancora più esclusivo di quello del 2016. Klapman ci tiene molto a dare un’opportunità ai giovani soprattutto a quelli dotati di una così grande creatività come gli allievi dell’Accademia Italiana.

                                                                                                              Rosario Schibeci 


© Riproduzione riservata