UN LIBRO DALLE SFUMATURE NOIR DI VINCENZO CANTARELLA

UN LIBRO DALLE SFUMATURE NOIR DI VINCENZO CANTARELLA

Numerosi sono i riferimenti letterari dei racconti che spaziano dall'incubo kafkiano al noir gotico, dal thriller psicologico alla commedia più ironica, fino al tema più attuale e comune dei nostri tempi di pandemia da COVID

stampa articolo Scarica pdf


Vincenzo Cantarella si è già fatto conoscere per la sua opera passata "Ribelle senza causa", un titolo evocativo sul contenuto dell'opera: siamo in una Italia frammentata e frantumata dalla malagestione del governo che ormai è in crisi, nel mirino di continui attentati. Il protagonista Santi Torrisi vive una vita tranquilla a Milano in cui ha fondato una piccola agenzia di investigazioni bancarie e finanziarie, ma nel suo passato era un ex estremista politico. Il protagonista combatterà con i fantasmi del passato cercando di mettere in atto una maturazione interiore quando tutt'intorno il degrado aumenta in una spirale di eventi negativi che influiranno sul suo comportamento. Un personaggio molto ben costruito che ce lo fa sentire intimo, amichevole, come se fosse uno di noi e combatte per non farsi inabissare da questo vortice nero.

Questa stessa aria si respira nella sua seconda opera intitolata "Racconti neri", una raccolta di nove racconti inediti dalle sfumature noir, in cui il genere giallo fa da sfondo riportandoci nella vita dei suoi protagonisti in interessanti atmosfere cittadine. Numerosi sono i riferimenti letterari dei racconti che spaziano dall'incubo kafkiano al noir gotico, dal thriller psicologico alla commedia più ironica, fino al tema più attuale e comune dei nostri tempi di pandemia da COVID – 19 e alla crisi politica ed economica.

Evelyn Grazia Nericcio

© Riproduzione riservata