PSG - Milan 25.10.2023

Mbappé e i suoi calpestano le velleità rossonere

stampa articolo Scarica pdf

Due punti in due partite, zero goal fatti e zero subiti: questo il ruolino di marcia del Milan in Champions League fino a questo momento, con grandi rimpianti per due pareggi che avrebbero potuto essere vittorie con un pizzico in più di concretezza Risultati che costringono i rossoneri ad andare su un campo difficile come quello di Parigi a cercare almeno un punto, per stare a contatto delle dirette concorrenti.

Per cercare l'impresa, Pioli rispolvera Krunic nel ruolo di mediano al posto di Adlì e Kalulu in quello di esterno destro, mentre a sinistra si rivede Theo Hernandez dopo il turno saltato per squalifica in campionato. PSG in formazione tipo, con il temibile tridente formato da Dembélé, Kolo Muani e Mbappé in avanti e, curiosamente, schierando l'unico italiano in campo: l'odiato "ex" Gigi Donnarumma.

I padroni di casa partono all'attacco e in sette minuti collezionano due cartellini gialli molto importanti: quelli di Thiaw e Krunic, mettendo subito sotto pressione i rossoneri. Col passare del tempo, e dopo avere invertito i centrali difensivi per mettere al sicuro il tedesco, gli ospiti prendono le misure agli avversari e cominciano a praticare un pressing non asfissiante, ma costante, mettendo in difficoltà i portatori di palla del PSG.

Uno dei temi della partita è quello della sfida tra Leao e Mbappé, i rispettivi fuoriclasse delle due squadre. É il portoghese il primo a battere un colpo, con una bella discesa sulla sinistra chiusa con un tiro a incrociare, uscito di poco a lato. A colpire per primo, però, è il francese, che mette in mostra il suo repertorio con finta, cambio piede e conclusione secca effettuate ad una velocità tale da lasciare di sasso Tomori e un incolpevole Maignan. L'azione era nata su una ripartenza veloce di Zaire - Emery, che aveva servito la punta dopo essersi liberato di Reinjders, che col senno di poi avrebbe potuto pensare a fermarlo con le cattive, spendendo un giallo.

La prima frazione si conclude coi francesi meritatamente in vantaggio di una rete contro un Milan molto generoso, ma spuntato. Nella ripresa c'è subito un cambio nelle file rossonere, con Thiaw che lascia posto a Calabria e Kalulu che si accentra prendendo posizione al fianco di Tomori.

A inizio ripresa, il PSG trova subito la rete con Dembelé, ma viene nnullata dal VAR per un precedente fallo di Ugarte su Musah. Poco dopo il Milan spreca una facile occasione con Pulisic, che invece di tirare in porta sceglie di servire (male) Giroud e spreca tutto: un regalo che costa caro, perché due minuti dopo arriva il raddoppio dei padroni di casa, che approfittano di una dormita generale della difesa avversaria su calcio d'angolo per mettere facilmente il pallone in rete con Kolo Muani, che fa tap-in sull precedente respinta di Maignan che aveva fermato il tiro dello stesso Dembelé.

Il resto del match è un monologo parigino, spezzato da qualche velleitaria ripartenza di Leao. Mbappé va vicino alla doppietta personale a dieci minuti dallo scadere del tempo regolamentare, ma il suo tiro è fermato dal palo. Sorte diversa per la conclusione del neo-entrato Kang-in Lee, che poco prima del novantesimo sfrutta un bel velo di Ramos, su cross di Zaire Emery, per battere Maignan e guadagnarsi un momento di gloria personale.

Con due punti in tre partite, a metà girone il Milan è già aggrappato alla sorte per il prosieguo del suo cammino europeo e dovrà cominciare a guadagnarsi il passaggio del turno proprio contro gli avversari odierni, il 7 novembre, a San Siro.

TABELLINO:

PSG (4-3-3): Donnarumma; Hakimi (93' Mukiele), Marquinhos, Škriniar, L. Hernández; Zaïre-Emery, Ugarte (71' Fabian Ruiz), Vitinha; Dembelé (71' Kang-In Lee), Kolo Muani (82' Gonçalo Ramos), Mbappé. All.: Luis Enrique

MILAN (4-3-3): Maignan; Kalulu, Thiaw (46' Calabria), Tomori (90' Kjaer), Theo Hernandez; Musah (77' Pobega), Krunic (77' Adlì), Reijnders; Pulisic, Giroud, Leão. All.: Pioli

MARCATORI:

32' Mbappé (PSG), 53' Kolo Muani (PSG), 89' Kang-In Lee (PSG)

© Riproduzione riservata