Milan - Sassuolo 30.12.2023

La rete di Pulisic fa respirare Pioli e i rossoneri

stampa articolo Scarica pdf

Milan a San Siro contro la sua bestia nera: quel Sassuolo che spesso, negli ultimi anni, è riuscito a mettere i bastoni tra le ruote ai rossoneri in casa loro.

Contro i nero-verdi, Pioli cerca tre punti fondamentali per la sua squadra e probabilmente anche per la sua panchina e, nel cercarli, dovrà fare a meno ancora una volta di alcuni titolari. Per la difesa, l’allenatore rossonero sceglie di spostare nuovamente Theo in posizione centrale al fianco di Kjaer, con Simic che torna a sedersi in panchina, mentre a centrocampo il rientro in pianta stabile di Bennacer, schierato nel ruolo di mezz’ala, con Reinjders più arretrato e Loftus-Cheek vertice alto.

Dionisi, in tutta risposta, non rinuncia a schierare una formazione offensiva, con Pinamonti riferimento offensivo al cui servizio lavorano Laurienté, Bajrami e soprattutto Berardi, recuperato in extremis e pronto a dare il suo contributo contro una squadra notoriamente tra i suoi bersagli preferiti.

Rossoneri molto propositivi durante i primi dieci minuti di partita, durante i quali trovano anche la rete con Bennacer, annullata per un fuorigioco precedente di Giroud: autore dell’assist da fondo campo per l’algerino. Il mediano sembra essere cresciuto già molto, rispetto al rientro e nella prima fase del match è indubbiamente il più attivo dei suoi, andando a sfiorare anche la rete a metà della frazione con una bella conclusione dalla distanza che sfiora il palo, alla fine di un’azione personale. Meno bene fa Leao, che gestisce male un paio di buoni palloni in area e, quando finalmente trova la rete, lo fa partendo da posizione nettamente irregolare. In tutto questo, c’è da rendere merito a un Sassuolo molto compatto, ben applicato nel pressing e preciso nelle chiusure in area di rigore, impedendo agli avversari di cercare la porta da posizioni favorevoli.

Il primo tempo finisce col risultato ancora bloccato sullo zero a zero, emblema di un match tutt’altro che esaltante e il primo quarto d’ora della ripresa prosegue sullo stesso filo conduttore. Ci vuole quindi un episodio per sbloccare la situazione ed è quello che arriva in prossimità dell’ora di gioco, quando un passaggio di Reijnders viene sporcato e finisce sui piedi di Bennacer, che è lesto e preciso a servire Pulisic, libero al centro dell’area, che deve soltanto appoggiare in porta il pallone e porta in vantaggio la sua squadra.

Una volta in svantaggio, il Sassuolo ci prova senza particolare convinzione, provando ad alzare i giri del motore soltanto nel quarto d’ora di finale del match, approfittando anche di un Milan che sceglie di mantenersi più basso per provare a sfruttare le ripartenze. La squadra di Pioli, però, è brava a controllare la situazione e va a prendersi una vittoria importantissima per classifica e morale, come testimonia l’esultanza di Florenzi, che si butta a terra coi pugni chiusi come se avesse vinto una finale.

TABELLINO:

MILAN (4-3-3): Maignan; Calabria, Kjaer (82’ Simic), Theo Hernandez, Florenzi; Loftus-Cheek (74’ Zeroli), Bennacer (63’ Adlì), Reijnders; Pulisic, Giroud (63’ Jovic), Leao (82’ Chukwueze). All. Pioli

SASSUOLO (4-2-3-1): Consigli; Toljan, Erlic (46’ Tressoldi), Ferrari, Pedersen; Henrique, Thorstvedt (89’ Ceide); Berardi (71’ Castillejo), Bajrami (65’ Volpato), Laurienté (89’ Mulattieri); Pinamonti. All. Dionisi

MARCATORI:

59’ Pulisic (MIL)

© Riproduzione riservata