Passione In Pietra Progetto Fotografico Ed Espositivo Di Federico Pestilli

Passione In Pietra Progetto Fotografico Ed Espositivo Di Federico Pestilli

Presso il The Westin Excelsior Rome

stampa articolo Scarica pdf



Si è inaugurata, mercoledì 20 marzo, la mostra " Passioni in pietra" di Federico Pestilli, presso il the Westin Excelsior Rome. L'esposizione, che proseguirà fino al 30 aprile, si compone di nove gigantografie in bianco e in nero le quali rappresentano statue e sculture che è possibile ammirare lungo le strade simbolo della Città Eterna.   

    
L'evento espositivo coincide con la ricorrenza dei 118 anni del Westin Excelsior Rome per il cui anniversario, nello specifico, sono state realizzate quattro gigantografie dei Telamoni in pietra che sorreggono la facciata dell'hotel. 

   
Federico Pestilli classe 1985, ha una formazione internazionale. Ha conseguito, dapprima, una laurea in storia alla Sorbona di Parigi, quindi ha vissuto esperienze di particolare livello nell'ambito di set fotografici di moda a New York.     

  
Parallelamente alla citata formazione, ha elaborato un lavoro fotografico indipendente che lo ha portato a vincere, nel 2023, il concorso con il Ford Photo riguardante il progetto Extint sulla fauna in estinzione.


I quattro Telamoni, realizzati dagli architetti Otto Maraini e Emil Vogt nel 1906 sulla facciata dell'Hotel, oggetto del lavoro di Pestilli , rappresentano i quattro continenti che sottolineano l'identità internazionale dell'hotel.      
Nel percorso espositivo sono presenti anche le gigantografie del Telamone di Adamo Tadolini, presente sulla cancellata di Palazzo Barberini, e l'Abisso di Pietro Canonica presso il museo Canonica di Villa Borghese.   

       
Sullo stesso percorso seguono il monumento funerario a Cesare Mancini di Francesco Fabi Altini al Verano e la Fontana Dea di Igor Mitoraj piazza Monte Grappa quartiere Mazzini.


La grandezza delle fotografie sottolinea la capacità dell'artista di enucleare tutta la plasticità marmorea e la maestosità delle sculture attraverso i chiaro scuri colti per mezzo dello scatto fotografico e ci accompagna nelle nascoste insenature dei " marmi " immortalati.
I lavori sono inseriti all'interno dell'Hotel in un modo così suggestivo da divenire un corpo unico.
Una luce dal basso verso l'alto fa focus sull'immagine stessa a voler, quasi, sottolineare, attraverso la fotografia, una duplice vita.     
Pur consapevoli che le opere riprendono sculture esistenti emerge nel lavoro di Pestilli la sua marcata autonomia.


È Arte che nasce da Arte, quasi una sorta di ciclo infinito, mai interrotto.Lo stesso soggetto vive epoche diverse per mezzo di strumenti diversi.

    
Invito a visitare questa esposizione, un ulteriore testimonianza della spiccata attenzione che il Westin Excelsior mostra verso l'arte e in particolare verso i giovani artisti.
Il tutto in una cornice di estrema raffinatezza, tratto inconfondibile, che si respira negli eleganti spazi dell’Hotel.

 

Maria Laura Perilli

© Riproduzione riservata