Presentazione Film DIVA

Cast: Melissa Manna, Marco Giansante, Andrea Galata’, Lorenzo Forte e con la partecipazione straordinaria di Claudio Insegno.Prodotto dalla Filming

stampa articolo Galleria multimediale Scarica pdf

Al Teatro Santa Chiara in Roma, è stato presentato in anteprima l'episodio “Diva”, parte di un progetto cinematografico più grande dal titolo “Certe Storie”. Unfolding Roma, presente all'evento per raccontare il cinema indipendente italiano. Il filo conduttore dei quattro episodi e’ “il tramonto della solidarietà”, ognuno nella sua completezza sviscera il soggetto da diversi punti di vista, ma sempre legati strettamente alla realtà. La protagonista del primo episodio e’ Melissa Manna, nel ruolo di Sylvia Kant, attrice duttile e brava nel cimentarsi sia in ruoli drammatici che brillanti, in teatro al cinema in tv. Alla regia l'esordiente Simone Arrighi che con Vincenzo La Gioia ha scritto e sceneggiato il soggetto. Il successo visto come trappola, destino spesso deciso da altri, la “Diva” si troverà coinvolta nella spirale del miope interesse economico, dello spietato e patinato mondo del cinema. Il cinismo, rappresenta il mondo dello spettacolo, anche per chi come lei e’ sulla cresta dell'onda. Con l'avvicinarsi del declino e con la concorrenza sempre più incalzante, l'attrice, diventa un oggetto in un meccanismo più grande di lei. Ormai merce, di un sistema che consuma e poi butta quello che ha usato fino ad esaurirlo. Anche il fanatismo di chi segue in maniera spesso malata ed assillante, personaggi famosi, contribuisce alla riuscita di questa opera, mettendo in evidenza il loro idolatrare comunque temporaneo.Cast: Melissa Manna, Marco Giansante, Andrea Galata’, Lorenzo Forte e con la partecipazione straordinaria di Claudio Insegno. Prodotto dalla FilmingIl primo episodio sarà seguito da “Del perduto amore”, storia di persone di una certa età che riscoprono quello che hanno perso. “La camorrista”, storia della vita malavitosa vista dagli occhi di una donna. A concludere e completare il film l'ultimo episodio “I ricordi”, vita di un attore che si sta spegnendo.Il cinema italiano ormai in crisi, rende difficile per i giovani attori e per i nuovi registi affermarsi, quello d'autore rimane l'unica porta aperta per chi vuole esprimersi in libertà. Il progetto sarà presente in festival indipendenti e con il sogno realizzabile di approdare a Venezia. di Stefano Boccia per Unfolding Roma

© Riproduzione riservata

Multimedia