Chantal Graziani

Si desidera davvero una cosa e si é testardi, il destino si può cambiare, sfidare e battere!

stampa articolo Galleria multimediale Scarica pdf

Giornata uggiosa oggi a Roma ,giornata che comunque non ha fermato la bellissima Chantal che abbiamo incontrato qui all’Atlanticodi Roma,con noi ha scambiato due parole e ha parlato un po di se….. sempre con un bellissimo sorriso.

Con che musica sei cresciuta?

Innanzitutto sono cresciuta CON la musica! Di diverso tipo, dai Queen, Deep Purple, Europe, Kiss, Alice Cooper e molti altri somministrati senza sosta da parte di mia mamma, alla musica classica e "pop" che ascoltavo diverse ore a settimana durante gli allenamenti di danza e ginnastica. Probabilmente il mio amore così viscerale per la musica di ogni tipo è nato proprio in quegli anni, ciò che conta è che riesca a trasmettermi qualcosa!

Qual'è il tuo stile?

Credo che il mio stile sia molto personale, è il mio mezzo preferito per esprimermi e comunicare! Senza dubbio amo gli eccessi e i contrasti, le contrapposizioni, gli abbinamenti stravaganti.

Non è l'abito che deve adeguarsi al corpo oppure è il corpo che deve essere all'altezza dell'abito?

Sicuramente l'abito deve valorizzare la figura, mettere in evidenza i pregi e perché no, nascondere i difetti. Credo si debba essere onesti con se stessi, imparare a conoscere il proprio corpo e le proprie forme e quindi scegliere tagli e LA taglia più adatti!

Credi nel destino?

Si, credo nel destino! MA, c'è un ma! Credo nella forza, la determinazione e la volontà. Quindi credo che se si desidera davvero una cosa e si é testardi, il destino si può cambiare, sfidare e battere!

Il tuo segno zodiacale influisce sul tuo carattere?

Il simbolo del segno dei Pesci, il mio segno zodiacale, è formato da due pesci che nuotano l'uno nella direzione opposta dell'altro; potrebbe sembrare una metafora invece no,(ride)!Esprime esattamente la (mia) personalità doppia...o tripla, o quadrupla! L'essere contraddittoria e forte, mutevole, riservata e allo stesso tempo sensibile, energica e un pó "svampita".

I tuoi genitori cosa desideravano per te da piccola?che tipo di occupazione?

I miei genitori desideravano il "meglio" per me quando ero piccola e anche ora. Sono persone molto "regolari" (anche se speciali per me, ovviamente!) e mi hanno sempre consigliato la via che, apparentemente, per loro sembrava la più semplice, produttiva e "sociale".

Com'è andata?

Come è andata? È andata che ho vinto io! Haha! Ho sempre scelto con la mia testa preferendo, a volte senza nemmeno rendermene conto, la via più complicata e quindi dare sfogo al mio lato più artistiche creativo e lasciare la "normalità" e la vita tranquilla fatta di routine agli altri. Non la disprezzo, ma non fa per me!

Hai tempo per cucinare ?

Certo che ho tempo per cucinare! Mangio 6 anche 7 volte al giorno se non avessi tempo dovrei riuscire a crearlo!

Cosa pensi del fattore Più? parlando di impegno,testardaggine,perseveranza?

Fondamentale! Senza impegno non raggiungerai mai i tuoi obiettivi. Anche se sei stato abituato a ricevere tutto in regalo, arriverà, prima o poi, il giorno in cui dovrai cavartela da solo, imparare a "metterci del tuo", a volte anche tutto te stesso, metterti in gioco e rischiare.

Quando ti sei resa conto che la tua storia è cominciata?Dove vuole arrivare Chantal?

Me ne rendo conto ogni giorno! Onestamente non ho prefissato l'obiettivo finale perché non voglio pormi limiti mentali o sentirmi mai "arrivata"! Ne prefisso di nuovi di volta in volta! Personalmente ritengo che l'importante è tenere d'occhio i propri progressi, la propria evoluzione e quindi prefissare sempre nuovi, stimolanti obiettivi!

Grazie Chantal molto gentile e disponibile nonché bellissima un felice augurio per tutti i tuoi successi.

© Riproduzione riservata

Multimedia