Manuel Fantacci

Manuel Fantacci

Il mio progetto più grande è diventare qualcuno di importante, di avere un discografico e produrre degli inediti

stampa articolo Scarica pdf

Manuel Fantacci, altoatesino, 16 anni, per tutti "Fanta", canterà sulle note del suo mito, Justin Bieber, su uno dei palchi più importanti, almeno in Italia, che la musica possa avere, il palco del Festival di Sanremo. Amata e odiata allo stesso tempo, la kermesse sanremese non è nuova ai giovanissimi che nella storia del festival, hanno calcato il palco dell’Ariston. Per citarne qualcuno: Laura Pausini, Gigliola Cinquetti, Anna Tatangelo e tanti altri che hanno avuto peraltro una fortunata carriera. Manuel Fantacci spera quindi di arricchire un lungo elenco di nomi che a Sanremo hanno visto la luce e a soli sedici anni è una bella responsabilità. Ci ha concesso questa breve intervista che ci permette di conoscerlo meglio.

Salve Manuel, la prima domanda che vorrei porti riguarda la tua presentazione nella tua pagina: "Tutti abbiamo un talento nascosto basta solo scoprirlo" tu ci stai riuscendo?

Si pian piano si… ogni giorno è una conquista…

Sanremo, il maestro Bosso: ''La musica è come la vita, si può fare in un solo modo, insieme". Dal nostro punto di vista lui è il vero vincitore del Festival: ti sei emozionato nel vederlo?

Si mi ha fatto tanto emozionare e dato tanta felicità vedendo quello che lui riesce a fare.

11 febbraio 1948 - Esce nelle sale italiane "Bambi", uno dei lungometraggi Disney più amati di sempre. ‪Ti piacerebbe comporre canzoni per quale film oppure cartone animato?

Mi piacerebbe cantare una canzone per il cartone il piccolo Principe… mi piaceva già da bambino

Che idea ti sei fatto sui diritti civili: canterai mostrando il nastro arcobaleno per scelta promozionale oppure perché credi nell'amore universale?

Credo nell'amore universale e rispetto tutti… ma con alcuni limiti.

Canterai sulle note del suo mito, Justin Bieber: che idea hai del cantautorato Italiano?

Sono italiano ed è ovvio che mi piacciono i cantautori italiani…adoro Marco Mengoni. Ho cantato Battisti e Luca di Risio.

Un duetto ti piacerebbe farlo con: Mengoni, Ferro oppure con il compianto e immenso Lucio Battisti ?

Certo preferirei che fosse ancora vivo Battisti, ma comunque sceglierei Mengoni perché è un artista più moderno.

Sappiamo che ami gli animali ti piacerebbe cantare o proporre dei testi che portino a pensare che l'abbandono oppure i maltrattamenti verso i nostri piccoli sono gesti ignobili ?

Si mi piacerebbe non solo produrre canzoni contro l'abbandono degli animali ma fare anche dei progetti per combattere il fenomeno.

Se un tempo per diventare ricchi e famosi a 20 anni ci provavi con le canzoni, oggi ti butti sulle app! la tecnologia ha del tutto soppiantato la musica: quanto credi nelle tue canzoni e cosa ti spaventa della tecnologia ?

Intanto credo nella musica e voglio trasmettere a tutti quello che provo quando canto e comunque non mi spaventa la tecnologia anche perché al giorno d'oggi è grazie a quella che ci si fa conoscere molto più facilmente

Dal tuo punto di vista pensi che i programmi televisivi che promuovono la musica siano al passo con i tempi oppure ce ne siano troppi e che la musica si debba far conoscere solo tramite i social?

no la musica si può conoscere da per tutto  perché più si vede e più si sente dopo un po’ si ti entra nella testa

La rete si è scatenata sul successo del festival. Tra i tanti tweet mi è piaciuto questo "il successo di Sanremo quest'anno si spiega solo con il fatto che non abbiamo nemmeno i soldi per andare in pizzeria" le critiche fanno parte del gioco?

In parte è la verità però Sanremo è Sanremo!

Il tuo rapporto con i soldi?

Ad essere sincero io li spendo solo per cose che mi servono li spendo molto in vestiti, scarpe ma a volte mi tolgo anche qualche sfizio, tipo le cuffie e magari un telefono

Sei nel Nord Italia e fai parte di quella regione che viene apprezzata per la qualità della vita: nei tuoi testi ti ispiri anche alle montagne che ti circondano?

Ad essere sincero mi ispira molto di più il mare

Hai l'occasione di ringraziare qualcuno, da chi cominciamo?

Mia madre mio padre mia sorella e tutta la mia famiglia che ogni giorno credono sempre di più in me e in quello che faccio poi voglio ringraziare la mia cara professoressa che mi ha portato alla mia prima esibizione e poi ringrazio il mio manager perché è una persona fantastica

Progetti per il futuro?

Il mio progetto più grande è di diventare qualcuno di importante, di avere un discografico e produrre degli inediti

Grazie sei stato molto gentile in bocca al lupo per la tua esibizione 

© Riproduzione riservata