Spring Attitude 2016

Dal 19 al 21 maggio al via il Festival Internazionale di musica elettronica e cultura contemporanea

stampa articolo Scarica pdf

Roma ritorna ad essere la capitale della musica elettronica. E' stata presentata alla stampa la VII edizione di "Spring Attitude", il Festival Internazionale di Musica Elettronica e Cultura Contemporanea in programma nella capitale dal 19 al 21 maggio. Suggestive le location di quest'anno: dal  Museo nazionale delle Arti del XXI secolo (MAXXI) l’Ex Caserma Guido Reni, e lo Spazio Novecento all'Eur.  L'edizione 2016 s articola fra  "Performance" (dj set, concerti dal vivo), "Arts&New Media" e la novità di quest' anno: Educazione (workshop e conference) . Tanti gli artisti che prenderanno parte alla tre giorni di festival, come il tedesco Pantha Du Prince, gli inglesi Matthew Herbert e Gold Panda, l’americano Rafael Anton Irisarri e l’austriaco Dorian Concept, insieme alle nuove rivelazioni in arrivo da tutto il pianeta: dal Canada Jessy Lanza, dalla Francia Rone e Acid Arab.

Come da tradizione di Spring Attitude, grande attenzione è riservata anche ai talenti italiani in ascesa all’estero capitanati da. Clap! Clap!,reduce dalla recente collaborazione al  nuovo disco di Paul Simon. Spazio anche ad Absent, Anudo, Cosmo, Dj Tennis, Go Dugong, Iosonouncane, Lamusa, MA Spaventi, Matilde Davoli e Not Waving.

Durante la conferenza stampa sono intervenuti Giovanna Melandri, Presidente della Fondazione MAXXI - Museo nazionale delle Arti del XXI secolo, l'on. Umberto Marroni, il Presidente del XI Municipio Andrea Santoro e Fabio Santoro, Direttore della RUFA (Rome University of Fine Arts). "Crediamo fortemente in questo progetto - ha detto Andrea Esu, direttore artistico del festival -  l'augurio per il futuro è quello di ricevere un aiuto dalle istituzioni italiane. Questo festival si autofinanzia, con l'80 % di investimenti dai privati".

Ha preso poi la parola Caternia Tomeo, direttrice artistica delle sezioni Arts&New Media e Educazione: "Siamo il primo festival in Italia a dedicare un workshop sulla musica anche per i più i piccoli. E' necessario però, un sostegno da parte delle istitutizioni, la speranza è quella di avere un afflusso ancora più rispetto alla scorsa edizione, che ha visto partecipare 12 mila persone". Poi, Giovanna Melandri ha voluto spiegare la collaborazione fra il festival e il MAXXI: "La nostra non è solo una vicinanza di luogo ma anche di intenti e nel contenuto della materia. E' un orgoglio per noi ospitare la serata inagurale del 19 maggio. Ci rivolgiamo ad un pubblico più giovane, ma la nostra voglia è quella di intrecciare più fasce di età".

Appuntamento allora al 19 maggio. Lo scorso anno si registrarono 12 mila biglietti venduti, quest'anno, si preannuncia un incremento sostanziale di pubblico.

Fabio Pochesci

© Riproduzione riservata