Lazio-Empoli 2016

La Lazio torna alla vittoria, ma quanta sofferenza: Keita e Lulic piegano l'Empoli

stampa articolo Scarica pdf

La Lazio torna alla vittoria ma quanta sofferenza. Contro l’Empoli bastano un gol di Keita e di Lulic allo scadere per decidere una brutta partita. Un passo indietro rispetto all’ultima uscita casalinga, quella del netto successo 3-0 al Pescara. Una Lazio opaca, sbadata senza idee incapace di creare occasioni gol nella ripresa. Anzi, sono gli ospiti a creare seri grattacapi alla retroguardia biancoceleste, costrigendo la squadra di Inzaghi ad una sofferenza fino all’ultimo minuto. Solo un’ottima prestazione di Strakosha, autore di almeno due parate decisive nella ripresa, evita guai seri. L’infortunio di Biglia ad inizio partita condiziona di certo la squadra: probabilmente affrettato il suo ritorno in campo. Per il resto la Lazio è tutta nelle accelerazioni e nei guizzi del solito Keita. Il ritorno al gol, atteso dopo 227 giorni, da quel Lazio-Verona 5-2, è una manna dal cielo. Se non si accende lui, la squadra fatica e non poco a creare gioco. Anche Immobile non è in giornata, se togliamo la grande conclusione al volo del primo tempo, il numero 17 regala una prestazione al di sotto delle sue possibilità.

Una vittoria importante per tornare a muovere la classifica,  ma evidentemente questa Lazio deve cambiare qualcosa e lo deve fare in fretta. La sofferenza patita nel finale contro un Empoli sì organizzato, ma irresistibile, è più di un campanello d’allarme: la continua assenza di idee e di alternative alla freschezza di Keita sono i punti deboli di questa prima parte campionato.

Fabio Pochesci

© Riproduzione riservata