Lazio-Bologna

Emozioni fino all'ultimo, Immobile agguanta il pari in extremis: contro il Bologna è 1-1

stampa articolo Scarica pdf

Lazio, fino all'ultimo respiro. All'Olimpico contro il Bologna è 1-1. Una partita vissuta tra mille azioni ed emozioni, con la squadra di Inzaghi costretta a rincorrere fin dalle prime battute. Il rigore procurato a tempo scaduto da Wallace e realizzato da Immobile, regalano ai biancocelesti un punto insperato.

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

Una giornata che sembra storta per la Lazio, un vero e proprio assalto alla porta di Da Costa, che fino al minuto 97 appare stregata. Il vantaggio dei bolognesi si consuma in apertura di match, al vero primo tentativo ospite. A segno Helander, alla sua terza rete in Serie A ed addirittura seconda alla Lazio. Il Bologna inizia bene e ci prende gusto, l'ex Floccari grazia i suoi ex compagni lisciando clamorosamente da pochi passi. E' l'ultimo squillo felsineo, da qui fino in avanti sarà esclusivamente un monologo biancoceleste. Inizia la sfida tra i giocatori biancocelesti e il portiere Da Costa.

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});  

E' il classico esempio di quando la palla non ne vuole sapere di entrare. Ci provano più o meno tutti: è Immobile ad andare più vicino di tutti con il suo destro al volo deviato dal guantone di Da Costa sulla traversa. Poi sempre l'attaccante, si divora un gol praticamente fatto. Bene Felipe Anderson apparso vivace e finalmente più grintoso. Keita è una spina nel fianco della retroguardia di Donadoni: quando parte non lo prende nessuno. Tuttavia il classe '95 non riesce a ritagliarsi una vera occasione da gol. 

La ripresa si apre da dove erano terminati i primi 45 minuti. Intanto, Inzaghi perde de Vrij: l'olandese ha la peggio nella zuccata con Floccari, e dopo essere rimasto a terra diversi minuti è costretto a lasciare il campo in barella. Al suo posto ecco Cataldi: buona la partita del classe '94, il suo ingresso in campo porta ordine in mezzo al campo cucendo bene i reparti. La sfida contro la porta rossoblù continua, e Milinkovic nel giro di pochi minuti spreca due ghiotte occasioni.

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

La seconda a dir poco clamorosa: un errore sotto porta che ha dell'incredibile. La partita scivola via verso la fine: Immobile e compagni ci provano in tutti i modi, e anche grazie alla "gol line technology" il Bologna sembra riuscire a farla franca. I sei minuti di recuperano regalano altre speranze ai cuori laziali. Quando sul cronometro mancano appena 20 secondi al fischio finale, lo scaltro Wallace si procura un rigore quando ormai la sconfitta appariva certa: le immagini confermeranno la simulazione del centrale difensivo. Dagli 11 metri Immobile è freddissimo: rompe l'incantesimo di Da Costa regalando in extremis un punto importante soprattutto per il morale.

 Il tabellino


Lazio-Bologna 1-1

Marcatori: 10′ Helander (B), 96′ rig. Immobile (L)

LAZIO (4-3-3): Marchetti; Patric, de Vrij (51′ Cataldi), Hoedt, Radu (68′ Wallace); Milinkovic (76′ Luis Alberto), Parolo, Lulic; Felipe Anderson, Immobile, Keita.

A disp. Strakosha, Vargic, Prce, Vinicius, Murgia, Leitner, Djordjevic, Lombardi.

All. Simone Inzaghi

BOLOGNA (4-3-3): Da Costa; Mbaye, Helander (83′ Oikonomou), Maietta, Masina; Donsah (67′ Pulgar), Nagy, Taider; Verdi, Floccari (54′ Sadiq), Di Francesco.

A disp. Ravaglia, Gomis, Ferrari, Viviani, Rizzo, Mounier.

All. Roberto Donadoni

Arbitro: Di Bello (sez. Brindisi). Ass.: Fiorito-Marzaloni. IV: La Rocca. Add.: Mazzoleni- Manganiello.

NOTE. Ammoniti: 37′ Di Francesco (B), 57′ Masina (B), 67′ Radu (L), 83′ Felipe Anderson (L), 87′ Wallace (L), 90′ Immobile (L), 96′ Sadiq (B).

Recupero: 6′ st.

Fabio Pochesci 

© Riproduzione riservata